USTA si piazza con il Jockey Club Over Horseracing Integrity Act – Aggiornamento sulle corse di imbracatura

Nella prima di questa serie in due parti, il presidente dell'USTA Russell Williams discute il presidente del Jockey Club Jim Gagliano sulla legislazione federale attualmente all'esame del Congresso.

di Andrew Cohen

Il sostegno del Congresso sembra essere in aumento per l'Horseracing Integrity Act (HIA), la legislazione federale in sospeso che altererebbe drasticamente il panorama legale e politico delle corse di cavalli negli Stati Uniti. È possibile che il provvedimento ottenga un voto in Aula e Senato prima o, più probabilmente, dopo le elezioni di novembre. Il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, dopotutto, rappresenta lo stato del Kentucky.

Con l'avvicinarsi di un potenziale giorno delle decisioni a Capitol Hill, e poiché i problemi di integrità delle corse continuano a perseguitare il settore, abbiamo ritenuto prudente dare alla comunità delle corse automobilistiche l'opportunità di approfondire alcuni dei dettagli della legislazione in sospeso e di ottenere risposte a alcune delle domande fondamentali che circolano da anni sulla misura.

Abbiamo chiesto al presidente della United States Trotting Association (USTA) Russell Williams, che è anche CEO / presidente di Hanover Shoe Farms, e Jim Gagliano, il presidente di The Jockey Club, di impegnarsi in un dibattito virtuale tra loro sulla legislazione. Williams si oppone ardentemente all'HIA. Gagliano lo sostiene e pensa che dovrebbe farlo anche la comunità dei finimenti.

Le regole di base erano queste. Nel Round 1, abbiamo sottoposto le domande a Gagliano, che ha risposto. Poi Williams ha risposto a Gagliano e Gagliano ha risposto a Williams. L'ordine è stato invertito nel Round 2. Ecco il Round 1. Il secondo round sarà pubblicato qui nell'HRU di venerdì e la nostra speranza è di pubblicare alcune delle vostre risposte nell'edizione di domenica

Per inviare feedback, inviare un'e-mail a [email protected]

Cohen: Perché è necessario il divieto di Lasix?

Gagliano: "Per essere chiari, il disegno di legge non vieta a titolo definitivo l'uso di Lasix. Vieta la somministrazione di farmaci il giorno di una gara. I cavalli corrono quasi ovunque nel pianeta, di tutte le razze, senza la somministrazione di un farmaco. – Lasix – il giorno della gara. Perché dovrebbe essere somministrato profilatticamente al 95% dei cavalli un farmaco terapeutico, quasi interamente senza diagnosi, per una condizione che colpisce solo il 5% circa? L'uso di farmaci per il giorno della gara indica ai fan che i nostri cavalli non sono abbastanza sani da correre per i propri meriti, qualcosa che il resto del mondo delle corse – compresi gli standardbreds – ha dimostrato di poter fare ".

Cohen: In che modo l'autorità istituita dalla nuova legge affronterebbe le preoccupazioni relative ai farmaci specifiche per i cani standard?

Gagliano: "La risposta breve è che il disegno di legge contempla la creazione di regole diverse per le diverse razze che gareggiano negli Stati Uniti. A titolo di sfondo, l'Horseracing Integrity Act autorizzerebbe un'organizzazione privata senza scopo di lucro a creare e applicare farmaci e regole antidoping per le corse di cavalli statunitensi. Mentre le regole sarebbero soggette ad approvazione limitata da parte della FTC per motivi di diritto costituzionale, le regole stesse saranno create dall'autorità. È importante sottolineare che il suo consiglio sarà composto da persone con comprovata esperienza in molti sfaccettature delle corse di cavalli (con diversità di rappresentanti delle tre razze principali) e anche esperti di antidoping dell'USADA (le stesse persone che gestiscono l'antidoping per i nostri atleti olimpici).

Quindi, per rendere chiaro, e contrariamente alle affermazioni pubblicizzate da alcuni che l'HIA creerebbe "un approccio unico per tutte le razze", il disegno di legge invita espressamente la nuova autorità a prendere in considerazione il carattere unico di corse delle diverse razze. Fintanto che una diversa regola sui farmaci non compromette il benessere del cavallo o l'integrità della concorrenza, l'autorità agirà in modo coerente con la VIS con regole diverse per razze diverse.

La risposta di Russell Williams a Gagliano: "Le commissioni statali delle corse applicano un immenso apprendimento ed esperienza alla protezione del benessere del cavallo e consentono il Lasix del giorno della gara. Il progetto di legge lo ignora completamente. Il suo unico riferimento all'Association of Racing Commissioners International Le regole modello, che consentono il giorno della corsa al Lasix, le equiparano al Codice mondiale antidoping, che non lo consente Perché le regole internazionali dovrebbero apparire in un disegno di legge al Congresso degli Stati Uniti? Il disegno di legge stesso precisa il motivo: perché "standard nazionali anti-doping e di controllo uniformi" miglioreranno il mercato delle vendite internazionali di cavalli degli Stati Uniti.

"Migliorare il mercato per i cavalli purosangue d'élite è in realtà lo scopo principale del disegno di legge. Cito da un panel tenuto alla tavola rotonda del Jockey Club 2019:

JOHN MESSARA: [L] lui una cosa che abbiamo che è diversa da qui è l'unica cosa di cui stai discutendo oggi… quindi non ho intenzione di insistere troppo.

JIM GAGLIANO: Sei il benvenuto.

JOHN MESSARA: [H] affermare una politica nazionale sulle droghe… simile alle altre industrie e giurisdizioni sviluppate nel mondo… scatenerebbe un mostro qui, un mostro economico…

Per come stanno le cose oggi, è difficile per noi giudicare se dovremmo comprare una cavalla, è stata trattata con Lasix, lei, sai, era su bute a un certo punto, cosa è successo, sai? Quindi, invece di farci mordere, rimaniamo alla larga. Lo stesso vale per noi per quanto riguarda gli stalloni.

"I motivi economici non sono intrinsecamente negativi, considerando che le corse di cavalli forniscono centinaia di migliaia di posti di lavoro e miliardi di dollari di impatto economico. Senza dubbio i sostenitori del disegno di legge si preoccupano del benessere del cavallo, ma scatenano" un mostro di ricompense economiche "senza migliorare il benessere del cavallo è un motivo inaccettabile per la legislazione federale.

"Il disegno di legge non fa nulla per migliorare la sorte dei cavalli da corsa. Possiamo fare a meno dell'affermazione del 5%, che utilizza selettivamente l'epistassi, che rappresenta il sangue che sgorga dal naso. Lo studio del Jockey Club, sottoposto a revisione paritaria del 2009, ha dimostrato che l'80 per il cento dei 167 cavalli nello studio soffriva di emorragia polmonare indotta da esercizio fisico (EIPH), che Lasix ha alleviato nelle gare successive.I veterinari stimano che il 95% dei cavalli da corsa sanguina ad un certo punto della loro vita.

"Lasix è l'unico farmaco terapeutico noto per alleviare l'EIPH. Non migliora le prestazioni. Non maschera altre sostanze. Se guardiamo al resto del mondo, Lasix viene usato liberamente a giorni alterni tranne il giorno della gara. Perché dovremmo negare questo sicuro ed efficace, ma a breve durata d'azione, terapeutico per un cavallo nel giorno del suo maggiore stress polmonare? Lungi dal sostenere il benessere del cavallo, negare il Lasix il giorno della gara è disumano.

"Noi, come industria, dobbiamo tenere a freno i nostri motivi economici invece di scatenarli e guardare invece alla scienza, alla conoscenza veterinaria e al nostro amore per il cavallo".

Le risposte di Gagliano alla Williams.

Sulle commissioni di corsa statali: "L'USTA rimanda chiaramente alla posizione delle commissioni di corsa statali su Lasix, sulla base del loro" immenso apprendimento ed esperienza ". Sfortunatamente, non tutte le commissioni di corsa sono così apprese, ad esempio la New York Gaming Commission che non ha un solo membro con alcuna esperienza di corsa.

"Inoltre, sembra che l'USTA si accontenti di fare affidamento sull '" immenso apprendimento ed esperienza "delle commissioni statali quando concorda con le regole in vigore. Un primo esempio è quando l'USTA ha cercato di allentare le soglie degli stati. e tempi di sospensione per clenbuterolo e betametasone. Nel novembre 2018, Harness Racing Medication Collaborative dell'USTA ha distribuito documenti di posizione sulla coppia di farmaci a 16 diversi regolatori statali nel tentativo di indebolire le regole di quegli stati.

"Quando leggi l'Horseracing Integrity Act, vedrai che riconosce le Linee guida ARCI per la classificazione uniforme per sostanze estranee, l'Elenco proibito standard dell'Agenzia mondiale antidoping e il Programma di farmaci terapeutici controllati dall'ARCI per i cavalli, oltre a IFHA e i Principi di etica medica veterinaria dell'AVMA. Il disegno di legge cattura perfettamente "immenso apprendimento ed esperienza" e si basa su questo progresso ".

Sul "riferimento all'Association of Racing Commissioners International Model Rules, che consente il Lasix per il giorno della gara, le equipara al World Anti-Doping Code, che non lo consente".

Gagliano: "Non è di nuovo vero. Leggere il disegno di legge è un esercizio utile, e cito," Sezione 2 (3): L'adozione uniforme di standard nazionali antidoping e di controllo dei farmaci per le corse ippiche negli Stati Uniti promuoverà il commercio interstatale, incoraggerà concorrenza e condizioni di parità, assicurano la piena ed equa divulgazione delle informazioni agli acquirenti di animali da riproduzione e al pubblico che scommette, migliorerà il mercato per le vendite nazionali e internazionali di cavalli degli Stati Uniti, fornirà una piattaforma per la coerenza con tutte le principali corse ippiche internazionali standard, affrontare le crescenti preoccupazioni interne sulle disparità con le regole internazionali e garantire la sicurezza e il benessere di cavalli e fantini. '

"Inoltre, non vedo niente di sbagliato nel migliorare il mercato internazionale per la vendita di cavalli statunitensi, ma non è lo scopo principale del conto. Se si tratta di un vantaggio accessorio, ne sarei felice".

Sulla citazione della tavola rotonda del Jockey Club 2019:

Gagliano: "Prima di tutto, il signor Williams fa l'affermazione del tutto insopportabile che la HIA non migliorerà il benessere del cavallo. Se pensa che sia bene per il cavallo lasciare l'antidoping e il controllo dei farmaci nelle mani dei regolatori statali che spesso non hanno esperienza nel settore o, quando lo fanno, soffrono di conflitti di interesse, si sbaglia chiaramente. I cavalli staranno molto meglio quando le regole saranno gestite da esperti non conflittuali in quei campi, non da alcuni burocrati nominati da un governatore di stato amichevole.

"In secondo luogo, John Messara è un allevatore e proprietario australiano e parlava da quella prospettiva – e la citazione è stata modificata in modo selettivo. Ecco il testo completo di ciò che ha detto su quel punto: 'Va bene, dirò solo una cosa ed è un po' quello che è successo a noi quando abbiamo ottenuto quei cambiamenti legislativi sulle tasse, penso che avere un cittadino la politica sulla droga – nessuna politica sulla droga, in realtà – simile alle altre industrie e giurisdizioni sviluppate nel mondo, Australia, Europa, eccetera, scatenerebbe un mostro qui, un mostro economico di cui io – tutti hanno parlato del perché la gente non lo vuole, beh, penso che uno dei vantaggi sarà che persone come me ricominceranno a considerare l'America come un posto dove acquistare cavalli. Per come stanno le cose oggi, è difficile per noi giudicare se dovremmo comprare una cavalla, è stata trattata con Lasix, lei, sai, era su bute a un certo punto, cosa è successo, sai? Quindi, invece di lasciarci mordere, rimaniamo alla larga. '

"Per la prospettiva degli Stati Uniticavalieri e amazzoni che sostengono il disegno di legge, leggono i commenti di supporto tramite la Water Hay Oats Alliance, che include persone come gli allenatori della Hall of Fame Ron Gurfein e Jimmy Takter, i principali proprietari e allevatori Cindy e Steve Stewart, e l'operatore di pista e proprietario / allevatore Jeff Gural ".

Sull'affermazione di Williams che "il disegno di legge non fa nulla per migliorare la sorte dei cavalli da corsa".

Gagliano: "Lasix migliora le prestazioni: effetto della furosemide sulle prestazioni dei purosangue che gareggiano negli Stati Uniti e in Canada, Gross, et al., JAVMA, Vol. 215, No. 5, 1999, 670-675.

"Con l'eccezione dell'EIPH più grave (punteggio endoscopico di 4), le prestazioni atletiche a lungo termine nelle corse non sono influenzate dall'EIPH. Detto in modo diverso, e cito dagli autori," Sulla base dei risultati dello studio corrente, concludiamo che non esiste alcuna associazione tra i gradi EIPH 0, 1, 2 e 3 e le prestazioni di corsa a lungo termine dei cavalli da corsa purosangue. '": Studio prospettico dell'associazione tra emorragia polmonare indotta dall'esercizio fisico e prestazioni a lungo termine nei cavalli da corsa purosangue. Sullivan, et al., Equine Veterinary Journal, DOI: 10.1111 / evj.12263, 2014, 1-8.

"In alternativa, per tutti i cavalli tranne quelli con la forma più grave di EIPH, che si ritiene rappresenti circa il 5% della popolazione, Lasix è un trattamento profilattico non necessario somministrato a quasi il 95% dei cavalli da corsa allo scopo di migliorare le prestazioni, principalmente attraverso la perdita di peso e, in misura minore, riducendo l'effetto dell'affaticamento sulle prestazioni muscolari (vedere l'effetto di Lasix sul pH del sangue e la compensazione analitica necessaria quando si esegue il test per TCO2 per tenere conto del Lasix).

"Lasix fa correre i cavalli più velocemente, in particolare il 95% dei cavalli che non ne hanno bisogno.

"Centinaia di migliaia di cavalli gareggiano a livello internazionale, realizzando collettivamente milioni di partenze ogni anno. L'affermazione che 'negare Lasix il giorno della gara è disumano'" è un affronto per ogni proprietario e allenatore internazionale – e per ogni proprietario e allenatore negli Stati Uniti