Seguendo l'esempio del Sud America su Lasix

Ci sono pochi argomenti nelle corse dibattuti così intensamente e appassionatamente come quello dei farmaci per le corse negli Stati Uniti, e in particolare Lasix. Coloro che sono favorevoli sottolineano che è l'unico trattamento umano ed efficace per i cavalli che soffrono di emorragia polmonare indotta dall'esercizio fisico. Quelli contrari credono che l'America debba allinearsi agli standard internazionali e placare le aspettative di una società in cui la percezione pubblica sta diventando rapidamente più rilevante.

Da che parte si trova non è più rilevante; lo Stronach Group, con le sue radicali riforme con l'abolizione della medicina del giorno di corsa in prima linea sulle piste della California, ha assicurato che il cambiamento sia in atto.

Ci sono timori da alcuni campi che la rimozione di Lasix dai cavalli americani comporterebbe una maggiore incidenza di gravi attacchi di sanguinamento, e quindi campi impoveriti, manico precipitoso e la fine dello sport. Vale la pena guardare come punto di riferimento, tuttavia, il Sud America che, negli ultimi sei anni, ha gradualmente eliminato il Lasix nelle gare di tipo nero – e in alcuni casi anche oltre – nei suoi paesi della Parte I.

E il consenso generale? È andato tutto come al solito.

A partire dal 2013, i paesi sudamericani con gare di Parte I dovevano iniziare a eliminare gradualmente il Lasix nelle gare di tipo nero; cioè quelle gare con implicazioni internazionali. Quei paesi erano l'Argentina (il più grande produttore del continente di purosangue con un raccolto di puledri di circa 7.000 all'anno), Cile, Perù e Uruguay. I farmaci raceday erano già fuori legge in Brasile in tutte le razze di tipo nero e nei cavalli di età inferiore a 3 anni e mezzo. Il requisito è stato applicato dall'OSAF, un'organizzazione ombrello che rappresenta il Sud America sulla scena mondiale e che ha organizzazioni di governo di ogni paese come membri. Ogni paese ha gestito l'eliminazione graduale in modo leggermente diverso; L'Argentina, ad esempio, ha iniziato con il Gruppo 1 e il Gruppo 2. Nel 2015 il divieto è stato esteso a tutte le razze di tipo nero. Infine, è stato rimosso da tutte le gare di 2 e 3 anni. I farmaci Raceday (Lasix e bute) rimangono consentiti per i bambini di 4 anni e più nelle gare non di tipo nero in Argentina. John Fulton, un cavaliere di origine americana ed ex allenatore che ha condotto affari internazionali dalla sua base in Argentina per 35 anni, ha affermato che le gare sudamericane senza farmaci tendono in realtà a disegnare campi più ampi di quelli in cui i farmaci sono ancora consentiti.

"Quello che ho visto quaggiù è che le dimensioni del campo non sono diminuite. Qui in Argentina, i bambini di 2 e 3 anni non possono correre con i farmaci e in nessuna gara di tipo nero puoi correre con i farmaci, ancora abbiamo campi pieni.

"Ho posseduto un cavallo Scat Daddy [in Cile] con un gruppo di amici che era un vincitore di grado I, ma all'età di otto anni avevo perso un passo o due", ha continuato Fulton. "Abbiamo dovuto decidere se optare per un palo di tipo I o non nero, dove si potevano usare farmaci. C'erano quattro cavalli iscritti nella razza di tipo non nero, ma nel grado I, dove non c'erano farmaci consentiti, c'erano 16 o 18 cavalli, quindi è stata presa la decisione di farlo correre nella gara in cui erano consentiti i farmaci: non ha usato alcun farmaco, non abbiamo avuto alcun problema con esso.

"Le persone hanno imparato ad affrontarlo e l'hanno accettato. Se guardi alle gare della posta in gioco sono generalmente campi pieni. Per la maggior parte le persone si sono occupate di questo e non c'è quasi nessun problema. Dire che gli Stati Uniti sono unico nel fatto che non possono correre senza farmaci, è qualcosa che è difficile da digerire per me ".

Allenatori che lo prendono con passo

Il centro di allenamento di San Isidro, adiacente all'ippodromo omonimo che ospita il G1 Carlos Pellegrini, la gara più importante del Sud America, ospita circa 2.000 equini ed è sicuramente una delle strutture di allenamento più frequentate dell'Argentina. Il campione allenatore Enrique Martin Ferro tiene corte a San Isidro, così come suo figlio Nicolas, un ambizioso e mondano 32enne che annovera tra i suoi mecenati Haras Abolengo, una delle principali scuderie del paese e l'allevatore di Candy Ride (Arg). Roberto "Coco" Bullrich è stato recentemente assunto come allenatore per Don Alberto, una forza dominante in tutto il continente con circa 400 cavalli in addestramento.

Nicolas Martin Ferro, forse con la giovinezza dalla sua parte, sembra aver eliminato gradualmente i farmaci. Alla domanda su quali fossero i suoi sentimenti sei anni fa, quando gli fu detto che la pratica sarebbe finita, si strinse nelle spalle e disse con nonchalance: "All'inizio è stato un po 'difficile. Come sempre non ci piace il cambiamento, ma penso che ci siamo abituati e penso che vada bene.

"Penso che abbiamo dovuto farlo perché altrimenti avremmo perso un po 'di fiducia [a livello internazionale]; penso che il mondo intero stia andando in quel modo. Gli americani sono stati quelli che ne sono rimasti un po' fuori, ma tutte le altre industrie lo hanno fatto modo, niente farmaci da corsa. "

Martin Ferro ha detto che né le dimensioni del campo né i suoi numeri stabili – che si attestano intorno agli 80 – sono stati interessati dal divieto, e che i casi di cavalli completamente impossibilitati a correre a causa dell'emorragia erano "molto rari – non sarebbe successo una volta all'anno. "

In effetti, Martin Ferro ha detto che "non gli piace" il Lasix e ai vecchi tempi non lo somministrava semplicemente come regola.

"Non credo sia un vantaggio", ha detto. "Se avessi un cavallo che non sanguina, non lo userei. Non mi piace. Non darei Lasix per ogni evenienza."

Bullrich, che è anche un veterinario, ha detto che mentre ora è d'accordo con il mantenere le gare di tipo nero prive di farmaci per il giorno di gara, vorrebbe vederlo consentito in tutte le gare di livello inferiore. Ha detto che quei cavalli hanno una quota di mercato molto più ampia in Sud America che in Europa, e aiutare quei cavalli e proprietari a vincere le gare, incoraggiandoli così a reinvestire, sarebbe a vantaggio del settore. Allo stato attuale in Argentina, i cavalli di classe non-stake non possono usare Lasix fino a quando non compiono quattro anni.

"Il grosso errore è confrontare le nostre corse con quelle europee", ha spiegato. "Parli della selezione genetica dei cavalli francesi e britannici, ed è molto diversa da qui. È un gruppo molto selezionato in Europa con solo fattrici e stalloni forti. Qui è molto diverso. C'è un gruppo molto grande di proprietari e addestratori che operano perché vogliono solo vincere una piccola gara del valore di forse $ 2.000. Sono fermamente convinto che dovresti aiutare quelle persone perché lavorano per noi per mantenere quel settore dell'industria ".

Misure alternative

Come tutti e tre i formatori hanno concordato, no Lasix non significa nessun sanguinamento, significa solo trovare metodi alternativi per gestirlo, e hanno detto che l'iniezione di destrosio (uno zucchero semplice) nel flusso sanguigno è una pratica ampiamente utilizzata in Argentina. Ai cavalli verrà somministrato un siero contenente il 50% di glucosio e farà aumentare i livelli di zucchero nel sangue, provocando la minzione e la perdita di peso dell'acqua.

Il dottor Jim Prendergast, veterinario in pista a New York e in Florida da più di 40 anni, ha detto che il destrosio è stato utilizzato negli Stati Uniti nei giorni precedenti al Lasix, ma che "non funziona molto bene".

"E 'il 50% di glucosio e agisce come un lieve diuretico", ha detto. "Non vogliono che nessuno tratti i cavalli il giorno della gara, e il destrosio è una cosa a breve termine, quindi non sarebbe applicabile per quanto riguarda il mantenimento di un cavallo dal sanguinamento. Il destrosio è un passo indietro nel tempo. "

La dottoressa Pamela Wilkins del College of Veterinary Medicine dell'Università dell'Illinois, tuttavia, ha affermato che il destrosio può effettivamente essere più dannoso del Lasix.

"Sono sicura che sia efficace, ma è peggio per loro di Lasix", ha detto. "Il 50% di destrosio è iperosmolare, quindi attira l'acqua dalle cellule nel flusso sanguigno, quindi il destrosio viene filtrato dal rene e attira l'acqua con sé. Tuttavia, il 50% di destrosio è molto irritante per i vasi sanguigni e getterà la loro regolazione dell'insulina e del glucagone è molto lontana. È peggio per loro del Lasix; danneggia i loro vasi sanguigni. Penso che usare il 50% di destrosio sarà più dannoso di quanto lo sia mai stato l'uso di Lasix.

"È un infortunio da stress ripetitivo", ha aggiunto Wilkins riguardo al sanguinamento. "Tutti i cavalli al massimo sforzo, non importa quanto siano in forma o inadatti, rischiano di sanguinare, sia che si tratti di un piccolo sanguinamento o di un grande sanguinamento, succederà. Penso che un'opzione da provare sia il Lasix a basso dosaggio. Non lo fai. Non è necessario utilizzare 10 cc, una volta caricati questi recettori, vengono caricati. Sono state provate tonnellate di cose negli studi scientifici di base e negli studi clinici, e l'unica cosa che funziona è Lasix ".

Il dottor Rob Holland è un veterinario con sede nel Kentucky specializzato in malattie respiratorie e infettive. Holland ha sottolineato il fatto che un inizio di EIPH è multifattoriale e quindi i modi per ridurlo al minimo sono gli stessi.

"Può essere un enigma, proprio come la zoppia", ha detto. "Devi capirli. E quando lo capisci e lo fai bene, è divertente guardare un cavallo quando può respirare davvero bene. E non hai bisogno di molte droghe per farlo; si tratta di pulire il loro ambiente e cose del genere. "

Holland ha suggerito che condizioni preesistenti come problemi dinamici alla gola, raffreddore o polmonite o persino dolore al corpo che fa rinchiudere il cavallo potrebbero contribuire a casi di EIPH. Ha detto che buone misure di biosicurezza come la riduzione dell'esposizione alla polvere e la vicinanza a pozzi di letame nei cavalli in difficoltà possono aiutare, e sostiene una discussione produttiva sull'argomento riscaldato di Lasix.

"Conosco molti proprietari, veterinari e allevatori che vogliono parlare del fatto che il Lasix sia necessario o meno, e penso che portare tutti in una stanza sarebbe probabilmente utile", ha detto. "Penso che un dialogo buono e pulito e forse portare persone dall'Argentina sarebbe un bene per l'industria. In questo momento, ci sono persone che sono pro-Lasix o non pro-Lasix. Sono più pro-terapeutico nel cercare di capire perché lo stanno facendo, e poi mettere insieme farmaci e altre cose che li aiuteranno, come bagnare il loro fieno o nebulizzare con soluzione salina per mantenere pulite le loro vie respiratorie. Vorrei che venissero alcuni veterinari argentini e ce ne parlassero.

"Penso che tutti vadano nel loro angolo. I veterinari, vogliamo assicurarci che i farmaci terapeutici possano essere usati per aiutare il cavallo, ma allo stesso tempo se i proprietari e il pubblico delle scommesse hanno problemi, dobbiamo parlarne. Abbiamo bisogno di essere realisti e sedersi e discutere se ci sono altri modi in cui possiamo gestirlo, sia che si tratti di nebulizzare, cercare di ridurre l'infiammazione o ripulire l'ambiente in cui si trovano i cavalli e cercare di ridurre il carico di allergeni.

"Penso che il passaggio da 10 a 5cc [di Lasix consentito a Santa Anita] sia buono", ha aggiunto Holland. "Penso che abbiamo bisogno di molti più dati, ma posso dirti che ci sono molte giurisdizioni nel mondo che non funzionano con Lasix. La loro formazione è diversa; li fanno correre per un miglio tipo di costa e l'ultimo quarto di miglio stanno davvero correndo duro. Sembra funzionare ".

Dott. Steve Jackson, un consulente di nutrizione equina con sede in Kentucky e con clienti in tutto il mondo, ha detto di non aver mai sentito parlare di destrosio. Ha detto che sono state condotte ricerche su vitamine e integratori che potrebbero aiutare a ridurre l'EIPH rafforzando le pareti dei capillari, ma che non pensa che ci sarà un prodotto "magico" dal punto di vista nutrizionale.

"C'è stato un sacco di lavoro svolto sulla vitamina K che probabilmente non è molto fruttuoso", ha detto Jackson. "È stato fatto molto lavoro sulla vitamina E perché è un antiossidante biologico. Il mio concetto è che se si dispone di una razione bilanciata correttamente con quantità adeguate di vitamina K e vitamina E, l'aggiunta probabilmente non aiuterà.

"C'è un certo interesse ora per gli acidi grassi Omega-3, in particolare quelli che derivano dai pesci di acque profonde, DHA ed EPA che sono acidi grassi Omega-3 a catena lunga. Ci sono un paio di studi dello stato del Kansas in cui hanno pensato di aver visto una diminuzione dell'EIPH con DHA ed EPA e persino dall'olio di lino, olio di semi di lino, che è una fonte vegetale piuttosto elevata di acidi grassi Omega-3. Il protossido d'azoto hanno osservato, ed era effettivamente dannoso; ha causato un aumento dell'EIPH. Non so davvero che qualcuno abbia trovato qualcosa, dal punto di vista nutrizionale, che in realtà riduce significativamente il sanguinamento ".

Jackson ha descritto Lasix come "una grossa stampella per gli allenatori". Con la rimozione di quella stampella, ha detto, è probabile che gli addestratori siano più consapevoli di come e quando nutrono i loro cavalli e di cosa c'è nel loro ambiente.

"Non credo che nessuno suggerirebbe che un cavallo che è incline a sanguinare non sia aiutato da Lasix", ha detto Jackson. "Il problema è che le persone non lo permetteranno più. Non credo che in questo giorno e ora, il pubblico sosterrà il pensiero che noi diamo droga a un cavallo per correre. Lasix è il bambino che verrà buttato fuori con l'acqua sporca e le persone devono accettarlo, perché succederà. Guarda le corse dei levrieri. Chi avrebbe mai pensato che in Florida ci fossero abbastanza [attivisti per i diritti degli animali] per vietare le corse di levrieri?

"Probabilmente torneremo dove le persone avevano una strategia per ridurre il riempimento intestinale e il peso corporeo prima della gara, e questo comporterà la metà dei pasti al mattino, la rimozione dell'acqua e meno fieno perché questo stimolerà sete. Correvo 10k. Non sono mai stato un atleta così bravo come pensavo di essere, ma so che non ho provato a mangiare tre waffle con sciroppo d'acero prima di uscire e correre un 10k. Penso che " farai più affidamento sulla gestione dell'intestino, sulla gestione della nutrizione prima della gara, sul tempo di alimentazione prima della gara, perché la stampella verrà tolta ".

Jackson ha detto che in Giappone, dove lavora per Koji Maeda, l'allevatore di Lani (Tapit), tra gli altri, mantenere un ambiente ben ventilato è fondamentale.

"In inverno fa freddo, ma non chiudono mai le porte", ha detto. "Si tratta di aria fresca, ventilazione e riduzione dell'infiammazione. E forse è per questo che in genere non hanno tanti spurghi. È interessante, nella nostra società di capannoni qui, alcune delle bancarelle sono scarsamente ventilate. Come si mantengono libere dalla polvere? Il Giappone ha meno problemi polmonari, meno polmonite, meno malattie infiammatorie delle vie aeree e l'ambiente è duro in inverno. In estate hanno ventilatori e fanno funzionare i nebulizzatori per ridurre la polvere. L'approccio è quello di ridurre il particolato che può causare infiammazione delle vie aeree. Quando non hai la stampella, quando non hai Lasix, allora trovi diverse modalità che ti danno un po 'di sollievo ".

Fulton: America Must Assimilate

In quasi 50 anni nel settore dei purosangue – all'inizio come assistente di Horatio Luro, l'allenatore di Northern Dancer, e più recentemente come agente con sede in Argentina con una portata internazionale – John Fulton ha visto molto. Ha detto che è irremovibile sul fatto che il suo paese d'origine debba essere in linea con gli standard internazionali e anche, considerando ciò che è stato fatto nel suo paese adottivo, che è assolutamente possibile.

"Il farmaco Raceday dovrebbe essere eliminato, nella mia mente", ha detto Fulton. "Penso che sarebbe meglio per i cavalli e ci renderebbe cavalieri migliori e onestamente creerebbe un ambiente migliore per i fan e gli scommettitori.

"I formatori impareranno ad adattarsi", ha aggiunto. "Quasi tutti gli allenatori che si stanno allenando oggi hanno fatto uso di farmaci per la gara. Sono abbastanza vecchio da poter ricordare dove non l'avevamo, e ovviamente quaggiù [in Sud America] lo abbiamo visto per un buon numero di anni in cui nelle grandi gare non sono consentiti farmaci, e anche al punto da inviare i test in Francia, Australia e altre parti del mondo, solo per assicurarsi che i cavalli stiano correndo puliti ".

Fulton ha detto che pensa che lo stile di addestramento americano potrebbe rendere i cavalli più inclini a sanguinare. Mentre gli americani tendono ad avere un allenamento di routine più semplice e lavori più duri, i cavalli europei e sudamericani generalmente fanno il contrario: un po 'di più nel loro allenamento quotidiano, ma lavori meno intensi.

"Non professo di essere stato un grande allenatore e non sono un veterinario, ma in 49 anni sono un osservatore, e queste sono cose che ho visto che penso possano influenzarlo", ha disse. "I cavalli in Sud America e in Europa tendono a correre un po 'più leggeri; sono adatti al massimo, dove penso che vediamo cavalli negli Stati Uniti che stanno portando più peso di quello che vedremmo in altre parti del mondo dove ci non viene utilizzato alcun farmaco, e penso che possa essere un fattore che contribuisce. Facciamo molte galoppate buone, forti e aperte in Sud America, mentre i cavalli americani tendono a fare meno durante la settimana e lavorano più velocemente. galoppo più forte e lavori più lenti tendono ad essere più rilassati, imparano ad avere un ritmo confortevole e non sono così nervosi quando vanno alle gare.

"Puoi apportare modifiche all'addestramento, e negli Stati Uniti ci sono molti cavalieri veramente bravi. Impareranno ad affrontarli".

Fulton ha anche sottolineato che gli allevatori statunitensi gareggiano con un alto livello di successo in tutte le parti del mondo senza farmaci per la corsa.

"I cavalli americani passano dalle vendite negli Stati Uniti all'Europa e corrono bene", ha detto. "Non è che abbiamo creato una razza fragile in 30 anni, non ci credo, credo che abbia più a che fare con l'addestramento, l'alimentazione e l'eliminazione dei cattivi emorragici dal pool genetico.

"Luro, quando ero con lui, quando avevamo un cavallo che aveva la tendenza a sanguinare, abbiamo provato a cambiare il mangime, e una delle cose che abbiamo fatto è stato cambiare il cibo sfuso, erba medica e quella roba, in polpa di barbabietola. molto di questo al posto del fieno e diminuiva la loro tendenza a sanguinare. Se non potevamo controllarlo, venivano eliminati, e se tornavano e avevano ancora problemi, molto probabilmente non sarebbero entrati nel pool genetico. Credo che sia ereditato in una certa misura. "

Gli stalloni di razza americana e di razza hanno storicamente fatto bene in Sud America – con Scat Daddy e Roman Ruler solo due esempi – e mentre l'interesse per i tori americani è ancora forte, gli stalloni europei si stanno presentando con maggiore frequenza in Argentina. La ragione di ciò, ha detto Fulton, è il desiderio di reintrodurre la resistenza e la durata nella razza. E la mancanza di farmaci per la corsa è un fattore significativo a favore degli europei.

"Penso che siamo arrivati al punto in cui ci siamo resi conto che stavamo perdendo molti dei nostri punti di forza quaggiù, che è la durata e la resistenza, portando un sacco di cavalli da velocità puri", ha detto. "Le persone volevano riportare più resistenza nel pool genetico e per farlo ti appoggi maggiormente all'Europa. E il fatto che corrano puliti è un fattore oltre ogni dubbio. È solo un ingrediente in più che entra nel processo decisionale su chi sei stai per portare dentro.

"Lo sceicco Mohammed mi ha chiesto di comprargli fattrici quaggiù perché abbiamo una reputazione di solidità e durevolezza, e ho avuto altri proprietari che hanno fatto lo stesso. I giapponesi hanno avuto un enorme successo nell'acquistare fattrici qui e nella produzione di cavalli eccellenti, ed è a causa di questa reputazione di solidità, durata e resistenza. Quindi siamo in una situazione in cui dobbiamo tornare un po 'indietro verso quello, e quando lo fai vai in Europa ".

Ma gli Stati Uniti hanno molto di più in gioco che perdere il favore degli stalloni navetta.

"L'altro lato della situazione che è ancora più grave è che avremmo potuto chiudere le corse", ha detto Fulton. "Le persone non ci credono, non vogliono crederci, ma può succedere.

"L'industria è un bivio ora in cui abbiamo la possibilità di dire 'guarda, fai questo o ce ne andremo'. Stavo parlando con un amico l'altro giorno e lui ha detto, "questo ci darà più opportunità di vendere cavalli negli Stati Uniti perché i nostri buoni cavalli corrono puliti, quindi possiamo vendere i nostri cavalli agli addestratori della California". Ho detto: "se ci sono gare in California". Potrebbe finire in quel modo e le persone non vogliono ammetterlo, ma posso vedere da lontano che potrebbe essere estinto, è una vera minaccia. Dobbiamo agire, apportare alcune modifiche e assumerci la responsabilità di questa situazione che [prima della somministrazione del giorno di gara] abbiamo sempre affrontato bene.

"Quello che è successo in California, non do la colpa a Lasix o probabilmente a qualsiasi altro tipo di farmaco", ha continuato Fulton. "Penso che in parte sia stata una coincidenza e in parte la pioggia e il cambio di pista e forse c'erano dei buchi nella pista, quel genere di cose.