Roland Schoeman si è scusato con Cesar Cielo per le critiche dopo il test positivo

Nel podcast del suo ex allenatore Brett Hawke "Inside with Brett Hawke" la scorsa settimana, Roland Schoeman ha rivelato di essersi scusato con Cesar Cielo (anche lui un ex discepolo di Hawke) per i commenti critici del passato dopo che Cielo ha avuto un test antidoping positivo nel 2011.

"Entrando in esso, o prima, c'era un livello di giudizio o ignoranza da parte mia. Penso specificamente a quando Cesar è risultato positivo", dice Schoeman. "Penso che la maggior parte degli atleti funzioni da un livello di ignoranza perché al momento non è nella loro consapevolezza: il test è positivo. Dopo che sono risultato positivo e sono emersi i risultati, ho inviato un messaggio a Cesar e ho detto 'Mi dispiace. Perché io ti ho giudicato in base a un livello di ignoranza, o una percezione nella mia coscienza che non prendeva tutto in considerazione. '"

Quando il detentore del record mondiale Cielo e tre dei suoi compagni di squadra brasiliani sono risultati positivi alla furosemide diuretica vietata nel maggio 2011, il suo contemporaneo sudafricano Schoeman ha obiettato vocalmente alla decisione della Corte arbitrale per lo sport di sostenere la mancanza di punizione per tre dei nuotatori ( Vinicius Waked ha ricevuto un divieto di un anno).

In un editoriale che scrisse per The Swimmers Circle (che in seguito divenne parte di SwimSwam), e in un tweet cancellato da allora, Schoeman disse che il CAS "costituiva un pericoloso precedente" e che i quattro erano indiscutibilmente "colpevoli di un reato di doping. " L'aggiunta di carburante al fuoco di Schoeman è stata che Cielo è stato autorizzato in tempo per gareggiare ai Campionati del mondo 2011.

Il CAS lasciò Cielo e due compagni di squadra in base al precedente che la sostanza vietata era stata ingerita accidentalmente tramite un integratore di caffeina contaminato e prescritto.

Quasi esattamente otto anni dopo, Schoeman si trovò in una situazione simile. L'allora 38enne è risultato positivo alla sostanza vietata GW501516 nel maggio 2019, un farmaco ottenuto sul mercato nero e considerato a rischio di cancro. Il test non è diventato pubblico fino a febbraio 2020, quando è stato annunciato che Schoeman sta scontando un divieto di un anno retroattivo rispetto al test positivo iniziale.

Schoeman ha speso circa $ 16.500 per testare oltre 20 integratori per una fonte di contaminazione, e non è stato in grado di trovarne uno, ma è uscito con un divieto di un anno per una serie di motivi che hanno portato il gruppo antidoping della FINA a credere di aver ingerito la sostanza accidentalmente (infrazioni di questo tipo di solito ottengono due anni).

Nonostante il divieto, il rinvio olimpico apre la strada a Schoeman per qualificarsi per la quinta edizione dei Giochi dopo essere stato reintegrato il 18 maggio. Avrebbe perso le nazionali sudafricane, originariamente previste per il 4-9 aprile, ma sono state riprogrammate anche prima del il ritardo era ufficiale.