Pazienti a cui è stata somministrata penicillina anche se sono fatalmente allergici ad essa

I pazienti hanno ancora la penicillina anche se sono fatalmente allergici ad essa

A Philippa Gillespie dell'Haverfordwest era stato diagnosticato un cancro

La madre, 59 anni, è stata ricoverata dal Withybush General per la procedura di routine

Pip e il partner Roy Connelly hanno menzionato la sua allergia alla penicillina cinque volte

La mattina seguente un medico che le ha visitato le ha prescritto Augmentin

Pip ha avuto un arresto cardiaco e non ha mai ripreso conoscenza

Di Caroline Scott

Pubblicato: 23:33 BST, 14 luglio 2014|Aggiornato: 23:33 BST, 14 luglio 2014

23

Un paio di settimane dopo la morte della sua compagna Philippa Gillespie, Roy Conolly portò i pochi gioielli d'oro che possedeva a un gioielliere locale e gli chiese di fonderli per creare tre fasce d'oro: una per sé e una per ciascuno dei loro figli, Dan, 34 anni, e Jack, 28, da indossare nella sua memoria.

Roy e Pip stavano insieme da poco più di 30 anni. Non si erano mai sposati, ma ora indossa con orgoglio l'anello al quarto dito della mano sinistra.

'Era senza dubbio l'amore della mia vita. Mi manca ad ogni respiro che prendo ", dice.

Pip con suo figlio Jack nel 1985. Morì quando un ospedale le diede la penicillina a cui era allergica

La casa che Roy e Pip condividevano a Haverfordwest, Pembrokeshire, è immacolata. Il pavimento è spazzato, i mobili luccicano.

Continua a fare la spesa, a mangiare e a tenere in ordine la casa "perché Pip avrebbe voluto". Ma senza di lei, dice, non ha molto senso niente.

Pip, 59 anni, a cui era stato recentemente diagnosticato un cancro ai polmoni, è stato ricoverato nel loro ospedale locale, Withybush General, per una procedura di routine il 7 gennaio e non è mai tornato a casa.

2

Può prendere un semplice ormone prevenire il mal di cuore di… Russare? Non è così imbarazzante come la notte…

'Una volta avevo Botox ma me ne sono andato a metà': Joan Collins…

Pip era allergica alla penicillina, un fatto che lei e Roy menzionarono in cinque occasioni durante il suo ricovero in ospedale quel giorno – in ogni occasione, era in realtà il personale medico che chiedeva se Pip avesse qualche allergia.

Eppure, nonostante tutti gli avvertimenti e la presa di appunti, la mattina dopo un medico che ha visitato Pip le ha prescritto Augmentin – un antibiotico contenente penicillina – per un'infezione polmonare.

Pochi minuti dopo, il farmaco è stato somministrato, con effetto immediato e catastrofico. Pip ha avuto un arresto cardiaco – il suo cuore ha smesso di battere correttamente – e nonostante i tentativi del team di crash, non ha mai ripreso conoscenza.

Roy Connolly nella foto con il partner Pip e il figlio Jack. La famiglia viveva a Haverfordwest, Pembrokeshire

È morta l'11 gennaio di quest'anno. Roy, 60 anni, ha lasciato a malapena il suo capezzale per tre giorni.

Quasi un milione di persone ricoverate negli ospedali del NHS ogni anno sono allergiche a un farmaco, con la penicillina che è la più comune.

"La maggior parte delle reazioni antibiotiche sono lievi e limitate a un'eruzione cutanea", spiega Maureen Jenkins, direttore clinico di Allergy UK. "Ma può verificarsi anafilassi – una risposta estrema del sistema immunitario, che comporta un rapido gonfiore dei tessuti molli, tra cui lingua, gola e vie respiratorie – ed è difficile prevedere come reagiranno i singoli pazienti".

I dati sulla sicurezza dei pazienti mostrano che ci sono stati più di 18.000 incidenti di allergia ai farmaci tra il 2005 e il 2013. In sei di questi, il paziente è deceduto, 19 ha subito “ gravi danni '', quasi 5.000 hanno subito altri gradi di danno, mentre più di 13.000 sono stati classificati come "quasi incidenti": incidenti che non hanno causato danni ma che avevano il potenziale per farlo.

A tutti questi pazienti venivano somministrati farmaci per migliorarli – la realtà era che avrebbe potuto ucciderli.

Il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) raccomanda che le allergie siano registrate nei registri di un paziente, che dovrebbero quindi essere controllati ogni volta che un medico ha contatti con quel paziente e certamente prima di prescrivere, dispensare o somministrare qualsiasi farmaco.

'I suoi occhi erano semiaperti, ma non poteva vedere… E poi ho pianto perché sapevo che era finita', dice Roy

"Ulteriori garanzie possono includere braccialetti, tabelle dei farmaci e documenti elettronici", ha detto al Mail un portavoce del NICE.

"Ma esiste una variazione nella gestione delle allergie ai farmaci in tutto il Regno Unito e possono verificarsi errori a causa del fatto che il personale non rileva le allergie delle persone; mancanza di comunicazione tra le organizzazioni sanitarie; o i pazienti stessi sono scarsamente informati. '

È un quadro preoccupante, soprattutto perché un numero crescente di persone sembra essere affetto da gravi allergie ai farmaci. Tra il 1998 e il 2005, i ricoveri per reazioni gravi ai farmaci sono più che raddoppiati, rappresentando 62.000 ricoveri ospedalieri in Inghilterra ogni anno.

"Più di un quinto dei pazienti con un'allergia nota subirà gravi danni, o in un piccolo numero di casi potrebbe persino morire, perché gli è stato somministrato di nuovo quel farmaco", afferma il professor Mark Baker, direttore del Center for Clinical Practice a NICE. Le nuove raccomandazioni consigliano agli operatori sanitari di prendere la storia completa dell'allergia di un paziente, inclusa la data dell'ultima reazione, i sintomi e la durata e di discuterne con le famiglie, in modo che emerga un quadro davvero accurato.

"Le informazioni dovrebbero quindi essere trasmesse a un servizio specializzato in allergia ai farmaci in modo che possa consigliare farmaci alternativi che possono essere utilizzati in sicurezza."

Tutto questo arriva troppo tardi per Roy, che è perso e amaramente arrabbiato.

La storia d'amore di Roy e Pip iniziò nel 1983; entrambi avevano padri nella RAF e avevano avuto un'educazione simile.

Roy ha lavorato come impiegato presso il Department of Employment in Haverfordwest, mentre Pip era una madre a tempo pieno, allevando Dan, suo figlio da una precedente relazione, e Jack, nato nel 1985.

Roy, nella foto di recente, era con Pip da poco più di 30 anni

Pip aveva molti problemi di salute, dice Roy. Soffriva di cefalea a grappolo e nevralgia del trigemino, entrambe condizioni neurologiche dolorose che causavano un intenso dolore alla testa.

"Ha reso la vita di tutti i giorni difficile, ma in qualche modo ci siamo sempre riusciti", dice Roy.

Era molto il suo sostegno, dice, non solo gestendo tutto intorno alla casa, ma annotando attentamente gli appuntamenti in ospedale e ricercando il suo trattamento. Poi, nel gennaio 2013, ha iniziato a soffrire di dolori alle gambe. Il suo medico di famiglia, sospettando giustamente una neuropatia paraneoplastica – una forma di danno ai nervi legata ad alcuni tumori – l'ha indirizzata per una scansione e il 18 marzo hanno ricevuto la devastante notizia che aveva un cancro ai polmoni. Entrambi erano stati fumatori, ma hanno smesso quando le è stata diagnosticata.

Ad aprile, Pip ha subito un intervento chirurgico a Swansea per rimuovere il tumore e ha iniziato la chemioterapia.

Ma a giugno, molto prima che la sua chemio fosse terminata, Pip iniziò a lamentarsi di dolori al petto e aveva paura che il cancro fosse tornato.

I test sono risultati chiari, ma a settembre un altro oncologo ha detto che era stata una "lettura falsa" e il cancro si era diffuso. Pip ha ricevuto un ciclo di radioterapia, che ha aiutato un po 'con i suoi sintomi.

Nelle settimane prima di morire, Pip soffriva ma, comunque, molto lei stessa. Qualche giorno prima di andare in ospedale, era stata in cucina a preparare torte. 'Era divertente e supponente. Tutto ciò che ha tentato, l'ha fatto al meglio delle sue capacità ", dice Roy.

'Era il fulcro della nostra famiglia. Non ha pianto davanti a nessun altro oltre a me. Quando abbiamo saputo che aveva un cancro ai polmoni, ho detto: "Ce la faremo insieme".

"Se mai mi sentissi vacillare, mi alzavo e mi preparavo una tazza di tè, e quando il bollitore avesse bollito, avrei trattenuto le lacrime e sarei tornato con un sorriso stampato in faccia."

Durante il periodo natalizio, Pip ha sofferto di dolore allo stomaco e le è stata prescritta la morfina, nota per causare stitichezza. Il 7 gennaio, il suo medico di famiglia le ha suggerito di essere ricoverata a Withybush per una radiografia addominale per verificare un'ostruzione.

A Pip era stata prescritta la penicillina dieci anni prima per un'infezione e ne uscì con uno sfogo. In seguito, il suo medico di famiglia ha avvertito che la reazione può variare da lieve a drastica.

È arrivata un'ambulanza per portarli a Withybush. Quando Pip era stata ricoverata in un reparto, erano stati compilati almeno tre documenti separati per rilevare la sua allergia alla penicillina. Pip è andato giù per la sua radiografia ed è emerso scherzando.

"Non farebbe mai storie", dice Roy. «Suo padre era stato un ufficiale medico senior della RAF; è stata educata a fidarsi dei medici.

Verso mezzanotte Roy le diede il bacio della buonanotte. Era seduta sul letto, sentendosi abbastanza bene da lamentarsi di avere fame. La mattina dopo, Roy, tornato a casa, le stava preparando degli snack quando l'ospedale ha telefonato per dire che le condizioni di Pip erano "peggiorate".

Pip è morto poco prima delle 5.30 di sabato 11 gennaio 2014

Pensava che questo significasse che soffriva. Ma quando è entrato nel reparto, c'erano una dozzina di persone intorno al suo letto. Roy ha chiamato per farle sapere che era lì, prima di essere portato via in una stanza laterale.

"Penso che nel mio cuore sapessi che sarebbe morta, ma mi sentivo troppo insensibile per prenderlo", dice.

Alla fine, Roy è stato portato in una sala operatoria dove Pip era stato collegato a una banca di macchine. «Aveva un tubo che le usciva dalla bocca e stava emettendo questo orrendo gorgoglio. I suoi occhi erano semiaperti, ma non poteva vedere ", ricorda. "E poi ho pianto perché sapevo che era finita."

Roy non riesce a ricordare quanto tempo è rimasto seduto lì – ore, pensa. Ha cantato a Pip una ballata irlandese che aveva sussurrato al loro neonato Jack nello stesso ospedale 28 anni prima.

Dan e Jack sono arrivati per salutare la loro mamma. "Le ho detto che l'amavo, che l'avevo sempre amata e che mi sarei preso cura dei ragazzi e li avrei aiutati per il resto della loro vita", dice Roy. 'Lei non ha risposto… non uno sfarfallio.

Pip è morto poco prima delle 5.30 di sabato 11 gennaio.

"Il capo del team chirurgico è venuto a trovarmi mentre ero al capezzale di Pip", dice Roy. 'Si è scusato e mi ha detto che il medico che aveva prescritto Augmentin era davvero sconvolto.

'Posso immaginare. Non aveva intenzione di uccidere Pip, ma è successo e succederà di nuovo.

Roy guarda il divano su cui era seduto Pip e le lacrime iniziano a cadere. "Non mi sento arrabbiato, non aiuta", dice. 'Mi sento solo terribilmente triste.

'Non voglio porre fine alla carriera di nessuno. Non sono una persona vendicativa, ma non voglio che questo venga spazzato via. Non voglio che qualche idiota si alzi e dica: "Le lezioni sono state imparate", perché questo mi farebbe davvero arrabbiare ».

Per lo meno, Roy vorrebbe che il Withybush Hospital ammettesse i suoi fallimenti e spiegasse come, nonostante così tanti avvertimenti, a Pip sia stato somministrato un farmaco con il potenziale per ucciderla.

Sa che il suo cancro era avanzato, ma si sarebbe assicurato che il tempo che avevano lasciato insieme fosse pieno di amore e risate.

Il funerale della "amata ragazza" di Roy si è tenuto tre mesi dopo che lei era andata in ospedale per quella che doveva essere una normale radiografia e un pernottamento.

Da allora Roy ha contattato la polizia e ha chiesto loro di indagare.

Alla richiesta di un commento, un portavoce del Consiglio Sanitario dell'Università ha dichiarato: "Siamo a conoscenza di un decesso in ospedale l'11 gennaio e questo è attualmente oggetto di indagine da parte della polizia".