Mito medico di lunedì: non puoi mescolare antibiotici con alcol

Smettere di alcol durante l'assunzione di antibiotici è stato consacrato consiglio da medici di famiglia, farmacisti e parenti ben intenzionati per decenni.

È difficile capire esattamente dove abbia avuto origine il consiglio, ma Karl Kruszelnicki (Dr Karl) suggerisce che risale agli anni '50, quando la penicillina entrò in uso come primo trattamento veramente efficace per le infezioni a trasmissione sessuale (IST) come la gonorrea e la sifilide.

I medici erano apparentemente preoccupati che atti disinibiti sotto l'influenza della bevanda demoniaca potessero annullare il loro costoso trattamento con i nuovi farmaci miracolosi. Quindi ai pazienti è stato consigliato di astenersi (dall'alcol) fino a quando le cose non si fossero chiarite.

Un recente sondaggio suggerisce che questi timori potrebbero essere fondati. I partecipanti che ricevevano cure per malattie sessualmente trasmissibili in una clinica del Regno Unito avevano maggiori probabilità di impegnarsi in attività sessuali rischiose mentre erano intossicati.

Alcuni antibiotici reagiscono male all'alcol. Brandice Schnabel

Il consiglio di non bere alcolici durante l'assunzione di antibiotici vale per un piccolo gruppo di farmaci anti-infettivi tra cui metronidazolo (Flagyl, Metronide o Metrogyl), tinidazolo (Fasigyn o Simplotan) e sulfametossazolo / trimetoprim (Bactrim, Co-trimoxazolo ). Questi farmaci bloccano uno dei principali percorsi che metabolizzano l'alcol e provocano un rapido accumulo di sostanze nocive chiamate acetaldeidi, responsabili di molti degli spiacevoli effetti fisici dei postumi di una sbornia. Con questi farmaci a bordo, puoi avere la faccia rossa, svenire e vomitare dopo appena un bicchiere di birra.

Ma questi farmaci anti-infettivi hanno usi abbastanza specializzati – per trattare infezioni da organismi come la giardia (da acqua potabile contaminata) o vermi intestinali, per esempio – e sarebbe insolito che questi farmaci venissero prescritti senza una lunga conferenza dal medico o farmacista sulla potenziale reazione avversa.

Per quasi tutti gli altri tipi di antibiotici non ci sono prove evidenti del danno derivante da una modesta assunzione di alcol. Un riepilogo completo ma leggibile dell'interferenza di alcol e farmaci può essere trovato qui.

Ma questo non significa che sia una buona idea bere in eccesso quando sei in preda a un'infezione, poiché è probabile che gli effetti sedativi e nauseabondi dell'alcol aumentino in caso di malessere.

La dilatazione dei vasi sanguigni degli arti indotta dall'alcol interferisce con i tentativi del corpo di aumentare la febbre per rallentare la diffusione dell'infezione. I tuoi reni saranno costretti dall'alcol a perdere più liquidi, aumentando così il rischio di disidratazione. E il dolore muscolare profondo e doloroso prodotto dalle infezioni virali può avere maggiori probabilità di portare a gravi danni muscolari se combinato con il binge drinking.

L'alcol può esacerbare infezioni lievi o moderate, anche se non stai assumendo antibiotici. schipuliti

Alcuni antibiotici come l'isoniazide e la flucloxacillina (Flopen, Staphylex) possono infiammare il fegato (causando una lieve epatite) in una piccola percentuale di quelli trattati. Una serata alcolica potrebbe irritare ulteriormente il fegato, che sta già lavorando duramente per sbarazzarsi dell'alcol in eccesso. Un'epatite lieve simile può verificarsi con alcune infezioni come la febbre ghiandolare, che avrebbe lo stesso esito.

Quindi, se non stai bene e stai pensando di festeggiarne uno importante alla festa di fine anno in ufficio, è meglio andare piano con l'alcol, che tu prenda o meno antibiotici. Ti riprenderai più velocemente e ridurrai il rischio di complicazioni secondarie.

Se stai assumendo una delle droghe problematiche, è importante prendere sul serio l'avvertenza "niente alcol" o rimpiangerai rapidamente e profondamente anche qualche boccone di alcol.

Per la maggior parte degli utenti di antibiotici, tuttavia, un bicchiere di spumante o una birra fresca alla festa di Natale del tuo ufficio dovrebbe andare bene.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation. Leggi l'articolo originale.