La dolce pillola: notizie economiche

IOL Chemical con sede a Ludhiana, il più grande produttore al mondo di ingrediente farmaceutico attivo (API) ibuprofene con una capacità annua di 12.000 tonnellate metriche, è in una posizione favorevole, una rarità in questi giorni in un segmento come la produzione di API, dove la Cina ha un vantaggio sull'India. "Stiamo notando una carenza di prodotti dalla Cina e un aumento dei prezzi. Questa è una grande opportunità per le aziende in India per costruire la capacità globale di trarre vantaggio dalla tendenza. Ad esempio, nell'ultimo anno abbiamo più che raddoppiato la nostra capacità API ibuprofene da 5.000 tonnellate metriche all'anno a 12.000 tonnellate metriche ", afferma Vijay Garg, Joint Managing Director, IOL. L'azienda detiene "una quota di mercato mondiale del 33% rispetto al 10% di un anno fa", afferma.

Le ragioni risiedono a migliaia di chilometri di distanza nei problemi che l'API o l'industria dei farmaci sfusi – che fornisce ingredienti chiave per i tablet – sta affrontando in Cina. Intorno alla metà del 2017, la Food and Drug Administration cinese è entrata a far parte dell'International Council for Harmonization of Technical Requirements for Pharmaceuticals for Human Use (ICH) come membro. La Cina è diventata anche membro della Convenzione sull'ispezione farmaceutica (PIC) con sede a Ginevra. I passaggi richiedevano i cinesi

regolatore per diventare più rigoroso. Ciò ha comportato la chiusura di enormi capacità in Cina, per anni un grande fornitore di farmaci sfusi a livello globale. Sebbene ciò abbia portato a un aumento dei prezzi dei farmaci sfusi – un input chiave per le aziende farmaceutiche – alcuni produttori indiani di farmaci sfusi come IOL stanno cercando di colmare il vuoto lasciato dai cinesi. "Questa potrebbe essere una benedizione sotto mentite spoglie per l'industria indiana delle API", afferma DG Shah, un veterano del settore farmaceutico indiano. L'ex direttore generale della Indian Pharmaceutical Alliance aveva condiviso questa e altre intuizioni con Business Today poco prima della sua morte improvvisa nel febbraio di quest'anno.

Clicca qui per ingrandire

Garg afferma che a causa di sfide normative e problemi ambientali, alcune unità in Cina hanno interrotto la produzione, con una conseguente carenza di API di ibuprofene nei mercati globali. IOL è stata in grado di alimentare i mercati globali lasciati liberi dalla Cina, come i mercati in America Latina e in Europa. Egli stima che la produzione di ibuprofene API in Cina sia scesa da 9.000 tonnellate metriche all'anno nel 2017 a 6.000 tonnellate metriche oggi. Le esportazioni rappresentano il 40% delle vendite di IOL. Garg afferma che l'India e gli Stati Uniti sono i due maggiori mercati per l'ibuprofene. "In questo momento non stiamo vendendo negli Stati Uniti, ma abbiamo iniziato il processo di qualificazione e speriamo di iniziare entro la fine dell'anno. Un anno fa, eravamo principalmente un attore domestico. Ora, quasi l'80% della nostra capacità aggiunta è destinata alle esportazioni.. " È un mercato che la Cina serviva in precedenza. Non esiste uno studio sull'impatto preciso sull'India, ma l'opinione generale è che i prezzi dei farmaci sfusi sono aumentati del 20-80% negli ultimi sei-otto mesi a seconda del farmaco in questione. IOL è riuscita ad aumentare i prezzi interni del 30% nell'ultimo anno.

Costante e in crescita

Un asso nel ritagliarsi una nicchia nel mercato globale è M. Narayana Reddy. Aveva fondato Virchow Laboratories a Hyderabad nel 1981 per produrre sulfametossazolo, un farmaco antibatterico usato come antibiotico a basso costo e ad ampio spettro. Allora, c'erano altre 30 persone in città a realizzarlo. Oggi, Virchow Labs – la società di punta del Virchow Group da 3.500 crore di Rs che produce numerosi farmaci, intermedi di farmaci e biofarmaci – è il più grande produttore di sulfametossazolo al mondo, producendo circa 7.000 tonnellate all'anno. "L'azienda oggi soddisfa oltre l'85% della domanda globale di questo prodotto", afferma Mundla Vishnu, figlio di Reddy e direttore di Virchow. Nessun'altra azienda produce sulfametossazolo tranne una in Cina e anche quella è in grado di soddisfare solo una piccola parte della domanda locale. Reddy è stato in grado di costruire una nicchia in questo spazio grazie alla completa integrazione verticale. Il punto di partenza per il sulfametossazolo, per lui, sono sostanze comuni come lo zucchero e lo zolfo. Virchow ha fornito anche alla Cina e si aspetta un aumento dei margini dopo che i freni antidumping decennali si sono conclusi a metà 2018. Oltre a questo, negli ultimi tre anni Virchow ha fornito un intermediario di farmaci chiamato GCLE. Prodotto presso un'altra società del gruppo, Virchow Petrochemicals, è un intermedio per la produzione di cefalosporina, un antibiotico ad ampio spettro. "Oggi non ci sono quasi nessun produttore in Cina per questo intermedio", afferma Vishnu. Virchow ha fornito questo prodotto alla Cina negli ultimi quattro anni, ma Narayana Reddy afferma che il governo cinese ha anche iniziato a indagare su GCLE per la possibile imposizione di dazi antidumping sulle linee del sulfametossazolo. "Stiamo condividendo tutti i dati per dimostrare che non ci sono motivi validi per una tale mossa", afferma Reddy. I due prodotti – sulfametossazolo e GCLE – rappresentano circa il 30% delle entrate del gruppo.

Esternalizzare in-house

Alcune aziende hanno implementato l'integrazione verticale per produrre ingredienti e gestire le variazioni dei prezzi di input. Laurus Labs, con sede a Hyderabad, afferma che gli sviluppi in Cina potrebbero avere un impatto negativo a breve termine per le aziende in India, ma probabilmente andranno bene per loro a lungo termine. "Per le API antiretrovirali, abbiamo iniziato a produrre alcuni degli intermedi che ricevevamo dalla Cina", afferma Chava Satyanarayana, fondatrice e CEO di Laurus Labs. "Questo ci aiuta a superare le sorprese nei prezzi e le interruzioni dell'offerta", afferma. Gli antiretrovirali rappresentano un reddito significativo guadagnato da Laurus.

Poi, ci sono quelli che hanno intuito una nuova opportunità e stanno pianificando di conseguenza. Uno di questi giocatori è Jubilant Lifesciences. "C'è una forte domanda di prodotti intermedi per la protezione delle colture a causa dei problemi ambientali in Cina, che le fabbriche cinesi non sono in grado di soddisfare. Quindi c'è una buona opportunità per la nostra attività di ingredienti per la scienza delle colture di sviluppare e lanciare nuovi prodotti", afferma il suo 2017/18 relazione annuale. "Abbiamo in programma di lanciare cinque nuovi prodotti nel prossimo futuro. Tuttavia, potremmo affrontare la concorrenza in questi prodotti una volta che i produttori cinesi spostano i loro stabilimenti in nuove località per aumentare la capacità di produzione. Abbiamo in programma di mitigare questo rischio pianificando prodotti alternativi che utilizzano le stesse risorse (ovvero i nostri impianti polivalenti) in modo ottimale in base al margine di contribuzione ", aggiunge.

Il fattore di rischio

Secondo Pharmexcil, nel 2018/19, l'India ha importato API per un valore di Rs 17.400 dalla Cina ed ha esportato API per un valore di circa 1.600 crore Rs. Ciò mostra che l'India deve ancora coprire una lunga distanza per ridurre sostanzialmente la sua dipendenza dalla Cina. Finora, l'industria API indiana è sopravvissuta con un margine del 6-8%, principalmente a causa del dominio cinese. Si dovrà vedere fino a che punto l'attuale aumento dei prezzi invoglia i giocatori indiani a rafforzare le loro attività API. Ci sono 300-400 produttori di API in India. L'hub è Ankleshwar, il più grande ammasso chimico dell'Asia, seguito da Hyderabad.

Ma poi, replicare dall'oggi al domani ciò che la Cina ha fatto in diversi anni è impossibile. Molti in India sono delusi dalla relativa inerzia del governo e dalla mancanza di supporto agli sforzi del settore per creare funzionalità API. Ciò nonostante il governo abbia designato il 2015 come l'anno delle API per rendere il paese autosufficiente con i farmaci sfusi. Molte aziende indiane dipendono ancora dalla Cina per intermedi chiave come i derivati della penicillina e i derivati delle cefalosporine.

Deepak Sapra, Senior Vice President & Head, PSAI Business, Dr. Reddy's Laboratories, afferma: "Stiamo assistendo a un impatto su alcune API e intermedi a causa dei recenti sviluppi in Cina. Tuttavia, l'industria farmaceutica indiana ha sfruttato la situazione per ripristinare la produzione di alcune API nel paese. Gli sforzi del farmaceutico indiano continueranno a riportare il settore sulla traiettoria di crescita. Il governo dovrebbe anche promuovere la produzione all'interno del paese per ridurre la dipendenza dalle importazioni ". Fino a che punto il nuovo governo ascolta deve essere guardato.