I veterinari vogliono il meglio per il cavallo, non i loro tascabili

Nel 2010, i sogni di questo ragazzo della Jersey si sono avverati. Il mio ibrido, Doc's Hoss, ha fatto il suo debutto ai Meadowlands. Dall'andare alle corse con i miei nonni, all'essere uno sposo in pista, all'essere un lettore per tutta la vita di Ray Brienza, finalmente ho avuto un cavallo da corsa tutto mio. Ora, quasi 10 anni dopo, nutro la sua madre ventunenne in pensione e cinque fratelli nella mia fattoria. Il benessere dei miei animali è estremamente importante.

Io, come ogni veterinario in America, ho prestato giuramento di pratica per proteggere la salute e il benessere degli animali. Per i politici affermare che migliaia di veterinari equini stanno violando questo giuramento opponendosi al malinteso "Horseracing Integrity Act" per motivi economici è offensivo e falso.

I veterinari equini si oppongono alla legislazione a causa del danno che arrecherà ai cavalli, non a causa del danno ai nostri portafogli. In qualità di ex membro dell'American Association of Equine Practitioners (AAEP) Racing Committee e attuale membro del consiglio della North American Association of Racetrack Veterinarians (NAARV), sono adatto a spiegare perché questo è egregio.

L'AAEP, la NAARV e l'American Veterinary Medical Association (AVMA) sostengono fortemente la somministrazione di Lasix (furosemide) il giorno della gara per ridurre l'insorgenza di emorragia polmonare indotta dall'esercizio (EIPH) o sanguinamento nei polmoni. La scienza ci dice che l'EIPH è una malattia progressiva che colpisce la maggior parte degli atleti equini. Lasix è l'unico farmaco dimostrato di ridurre o mitigare gli effetti dell'EIPH sui cavalli da corsa. Pertanto, il giuramento ci impone di promuovere l'uso del Lasix del giorno della gara per i cavalli che soffrono di EIPH.

Nonostante quello che dicono alcuni membri del Congresso, il supporto veterinario per l'uso del Lasix nel giorno della gara non si basa sulla paura di perdere reddito. I professionisti in pista capiscono che l'integrità è fondamentale per il successo delle corse di cavalli. Ecco perché veterinari di terze parti, e non professionisti privati, somministrano Lasix ai cavalli il giorno della gara. Con rare eccezioni, i veterinari che somministrano il colpo non guadagnano un centesimo per averlo dato perché sono impiegati dalla commissione statale delle corse o dalla pista.

In effetti, i veterinari guadagnerebbero di più se il Lasix del giorno della gara fosse bandito da questo disegno di legge. Senza Lasix, il trattamento per prevenire o controllare l'EIPH sarebbe più difficile e costoso. Più criticamente, sarebbe molto più pericoloso per il cavallo.

Anche nella minoranza degli ippodromi che consentono a professionisti privati di somministrare Lasix, è ridicolo affermare che i veterinari danno Lasix per la minuscola quantità di denaro coinvolta. Un colpo di Lasix costa in genere circa $ 20 – $ 25 per un proprietario, quindi nessun veterinario si arricchirà di questo. Al contrario, i veterinari guadagneranno denaro dai farmaci necessari per trattare le malattie risultanti se Lasix non fosse usato.

Se vogliamo parlare di chi sta facendo soldi con questa legislazione, non guardare oltre i politici che stanno ricevendo donazioni elettorali da sostenitori ultra ricchi di questo disegno di legge. Per coloro che hanno veramente a cuore i cavalli e l'integrità dello sport, dovrebbero contattare i loro legislatori federali per richiedere che si oppongano all '"Horseracing Integrity Act".

Il dottor Andy Roberts è un veterinario ed è membro del consiglio di NAARV dal 2015.

The Star-Ledger / NJ.com incoraggia la presentazione di opinioni. Aggiungi ai segnalibri NJ.com/Opinion. Seguici su Twitter @NJ_Opinion e su Facebook su NJ.com Opinion. Ricevi gli ultimi aggiornamenti sulle notizie direttamente nella tua casella di posta. Iscriviti alle newsletter di NJ.com.