Gli antibiotici possono aiutare i pazienti con AAV che assumono Rituxan a ridurre il rischio di infezioni gravi, afferma lo studio

Il trattamento con un comune antibiotico riduce il rischio di infezioni potenzialmente letali nei pazienti con vasculite associata agli ANCA a cui viene somministrato Rituxan (rituximab) per la loro condizione, riporta uno studio condotto nel Regno Unito e in Austria.

Questa scoperta supporta l'uso dell'antibiotico trimetoprim-sulfametossazolo nella pratica clinica di routine per questi pazienti.

Lo studio, "La profilassi con trimetoprim-sulfametossazolo previene infezioni gravi / pericolose per la vita a seguito di rituximab nella vasculite associata agli anticorpi del citoplasma antineutrofilo" è stato pubblicato sulla rivista Annals of Rheumatic Diseases.

Sebbene la prognosi per i pazienti con vasculite associata ad ANCA (AAV) sia migliorata, queste persone sono spesso esposte a gravi complicazioni, sia come conseguenza della malattia stessa che come effetti collaterali dei farmaci, in particolare gli immunosoppressori.

Le infezioni gravi sono tra le complicazioni più preoccupanti. Circa il 48% dei decessi nel primo anno di trattamento di questa malattia sono causati da infezioni, che rimangono tra le tre principali cause di morte da allora in poi.

La probabilità di infezioni aumenta quando il sistema immunitario è depresso e i pazienti con AAV che assumono medicinali che sopprimono il sistema immunitario, come ciclofosfamide e Rituxan, sono particolarmente a rischio.

In effetti, diversi studi hanno avvertito di molteplici infezioni potenzialmente letali (batteriche, fungine e virali) a seguito del trattamento con Rituxan. Ma non sono state rilasciate raccomandazioni cliniche sull'uso di trattamenti profilattici – preventivi – per evitare infezioni gravi in questi pazienti.

Per i pazienti che ricevono ciclofosfamide, la European League Against Rheumatism / European Renal Association – European Dialysis and Transplant Association (EULAR / ERA-EDTA) raccomanda la profilassi con un antibiotico. Ma poco si sa sulle infezioni nei pazienti con AAV trattati con Rituxan.

I ricercatori hanno studiato la frequenza di infezioni gravi o pericolose per la vita in 192 pazienti con AAV che erano stati trattati con Rituxan. Tutti sono stati indirizzati all'Ospedale di Addenbrooke (Cambridge, Regno Unito) o all'Università di medicina di Innsbruck (Austria) tra il 2004 e il 2014.

Il follow-up è iniziato al momento della somministrazione di Rituxan ed è continuato per due anni. Complessivamente, sono state registrate 95 infezioni gravi in 49 pazienti (25,52%).