Gli antibiotici in gravidanza causano paralisi cerebrale ed epilessia?

Gli antibiotici in gravidanza causano paralisi cerebrale ed epilessia?

Giovedì 26 marzo 2015

"Antibiotico utilizzato in gravidanza legato al rischio di epilessia e paralisi cerebrale", riferisce The Guardian.

I risultati di un nuovo studio suggeriscono che le donne che assumono antibiotici macrolidi avevano una probabilità leggermente maggiore di dare alla luce un bambino con una (o entrambe) di queste condizioni, rispetto alle donne che assumono penicillina.

Ma non è stata trovata alcuna associazione tra l'assunzione di antibiotici in generale durante la gravidanza e la paralisi cerebrale (una condizione che causa disturbi del movimento) o l'epilessia (una condizione che causa convulsioni).

Tuttavia, un confronto diretto tra questi gruppi di donne non è del tutto affidabile. Potrebbero esserci altri fattori di confusione che potrebbero spiegare la differenza osservata, come il tipo e la gravità dell'infezione.

Lo studio non dimostra che i macrolidi causano né paralisi cerebrale né epilessia. È possibile che un'infezione sottostante in gravidanza aumenti il rischio di queste condizioni, piuttosto che il trattamento stesso.

Non esiste un intervento medico completamente privo di rischi al 100%. Ciò significa che dobbiamo utilizzare le migliori prove disponibili per prendere una decisione informata sul compromesso tra i benefici ei rischi delle varie scelte.

La maggior parte degli esperti concorderebbe sul fatto che i benefici del trattamento delle infezioni batteriche in gravidanza superano di gran lunga i potenziali rischi degli antibiotici: se le infezioni non vengono trattate, l'infezione potrebbe essere trasmessa al bambino o, più gravemente, aborto spontaneo o natimortalità.

Da dove viene la storia?

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'University College di Londra e del Farr Institute of Health Informatics Research, Londra, ed è stato finanziato dal Medical Research Council.

È stato pubblicato sulla rivista peer-reviewed PLOS One su base ad accesso aperto, quindi può essere letto online gratuitamente.

I rapporti di The Guardian, The Daily Telegraph e Mail Online erano accurati e responsabili. Tutti e tre i documenti hanno sottolineato che l'aumento del rischio di macrolidi riscontrato nello studio era piccolo e poteva essere spiegato da altri fattori (confondenti).

I documenti includevano anche consigli di esperti che le donne dovrebbero continuare a prendere gli antibiotici prescritti per l'infezione.

È un peccato, quindi, che tutti e tre i giornali abbiano scelto di girare con titoli allarmistici che non sono riusciti a inserire l'aumento del rischio in alcun contesto utile.

I documenti hanno anche individuato un comune antibiotico chiamato eritromicina. Questo appartiene al gruppo chiamato macrolidi, ma non è stato focalizzato dallo studio.

che tipo di ricerca era questa?

Questo è stato uno studio di coorte retrospettivo che ha coinvolto 195.909 donne. Ha esaminato se gli antibiotici prescritti durante la gravidanza fossero collegati a un rischio più elevato di paralisi cerebrale o epilessia nei loro figli.

Gli studi di coorte vengono spesso utilizzati per verificare se determinati eventi sono collegati a determinati risultati di salute. Il vantaggio di questo tipo di studio è che può seguire grandi gruppi di persone per lunghi periodi di tempo, ma non possono provare causa ed effetto.

Gli studi di coorte retrospettivi, che guardano indietro nel tempo, possono anche essere meno affidabili di quelli che seguono le persone nel tempo, chiamati studi prospettici di coorte.

Gli autori affermano che gli antibiotici sono uno dei farmaci più frequentemente prescritti durante la gravidanza.

Tuttavia, affermano che un ampio studio randomizzato controllato (RCT) ha rilevato che alcuni antibiotici somministrati a donne che avevano avuto un travaglio prematuro erano associati a un aumentato rischio di paralisi cerebrale o epilessia nei loro figli a sette anni di età.

I due antibiotici utilizzati in questo precedente studio erano l'eritromicina, un macrolide, e il co-amoxiclav, che è un tipo di penicillina.

Cosa ha comportato la ricerca?

I ricercatori hanno utilizzato i dati su 195.909 donne che si erano registrate presso i loro ambulatori medici prima della gravidanza e avevano un bambino nato a termine o dopo il termine (37 settimane).

Per le donne con gravidanze multiple (circa un quarto della coorte), una gravidanza è stata selezionata casualmente per l'analisi. Le donne i cui figli sono nati pretermine sono state escluse perché i neonati prematuri hanno già un aumentato rischio di paralisi cerebrale ed epilessia.

Hanno esaminato se le donne fossero state trattate con antibiotici orali durante la gravidanza e, in tal caso, quale classe di antibiotici, il numero di cicli che avevano e la tempistica del trattamento durante la gravidanza.

I bambini delle donne sono stati seguiti fino all'età di sette anni per qualsiasi diagnosi di paralisi cerebrale o epilessia, come registrato nelle cartelle cliniche dei bambini.

I ricercatori hanno analizzato i dati utilizzando metodi statistici standard. Hanno adeguato i loro risultati per un'ampia gamma di fattori di rischio materni.

Questi includevano l'età materna al parto; complicazioni della gravidanza; condizioni croniche come l'obesità; trattamento per condizioni mediche croniche durante la gravidanza; uso di tabacco e alcol; deprivazione sociale; e infezioni materne che potrebbero potenzialmente causare danni al cervello fetale.

Quali sono stati i risultati di base?

Un totale di 64.623 (33,0%) delle donne sono stati prescritti antibiotici in gravidanza e 1.170 (0,60%) bambini avevano dati indicanti che avevano paralisi cerebrale o epilessia, o entrambi.

Una volta che i ricercatori hanno aggiustato i loro risultati per i confondenti, hanno scoperto:

  • nessuna associazione tra antibiotici e paralisi cerebrale o epilessia (hazard ratio [HR] 1,04, intervallo di confidenza al 95% [CI] 0,91-1,19)
  • rispetto alle penicilline, gli antibiotici macrolidi erano associati a un aumento del 78% del rischio di paralisi cerebrale o epilessia (HR 1,78, 95% CI 1,18-2,69; numero necessario per danneggiare 153, 95% CI 71-671)
  • i bambini le cui madri hanno ricevuto più di tre prescrizioni di antibiotici durante la gravidanza avevano un rischio aumentato del 40% (HR 1,40; 95% CI 1,07-1,83) rispetto a quelli senza prescrizione

Come hanno interpretato i risultati i ricercatori?

I ricercatori affermano che i loro risultati indicano che la prescrizione di macrolidi in gravidanza è collegata ad un aumentato rischio di paralisi cerebrale o epilessia durante l'infanzia.

Hanno ipotizzato il motivo per cui i macrolidi potrebbero essere associati al danno, sostenendo, ad esempio, che se le donne smettessero di prendere i farmaci a causa degli effetti collaterali, l'infezione parzialmente trattata potrebbe prolungare l'esposizione del cervello fetale all'infiammazione.

Tuttavia, aggiungono che ci sono prove crescenti che l'assunzione di macrolidi durante la gravidanza è associata a danni e questi farmaci possono avere effetti avversi specifici sul feto.

Conclusione

I risultati di questo ampio studio indicano che l'uso di antibiotici in gravidanza non era associato ad un aumentato rischio di paralisi cerebrale o epilessia. L'apparente aumento del rischio di macrolidi rispetto alla penicillina non è affidabile.

Un confronto diretto tra le donne che assumono ciascun tipo di antibiotico è impreciso, poiché non tiene conto di potenziali fattori di confusione. Questi includono:

  • il tipo e la gravità delle infezioni, che potrebbero aver colpito il bambino, piuttosto che l'antibiotico
  • se le donne hanno preso tutto il ciclo di antibiotico o meno a causa di effetti collaterali; se interrotta precocemente, l'infezione potrebbe non essere stata completamente eliminata e avrebbe potuto danneggiare il bambino
  • altri fattori materni non misurati che hanno influenzato il tipo di antibiotico somministrato alle donne, come altri farmaci o condizioni di salute

Inoltre, l'analisi per i macrolidi si è basata su un piccolo numero di donne, quindi i risultati potrebbero essersi verificati anche per caso. È importante sottolineare che il rischio per le gravidanze individuali è basso.

I medici prescriveranno antibiotici in gravidanza solo se ritengono che vi sia una chiara esigenza clinica, in cui madre e bambino sono potenzialmente a rischio. Qualsiasi rischio per la tua gravidanza rappresentato dagli antibiotici sarà probabilmente di gran lunga superato dai benefici del trattamento.