Furosemide a basso dosaggio non ha impedito il peggioramento dell'AKI

ORLANDO – L'uso di furosemide a basse dosi in pazienti critici non ha impedito il peggioramento del danno renale acuto (AKI), i ricercatori hanno riportato qui.

Nello studio pilota SPARK controllato randomizzato, il diuretico dell'ansa furosemide (Lasix) non ha avuto un impatto significativo sul peggioramento dell'AKI nei pazienti in terapia intensiva, definito come progressione da RIFLE-R a uno stadio più grave, rispetto al placebo (43,2% contro 37,1%, OR 1,52, 95% CI, 0,61-3,83, P = 0,60), secondo Sean M. Bagshaw, MD, dell'Università di Alberta in Canada e colleghi.

Punti d'azione

– Si noti che questo studio è stato pubblicato come abstract e presentato a una conferenza. Questi dati e conclusioni dovrebbero essere considerati preliminari fino alla pubblicazione in una rivista peer-reviewed.
Allo stesso modo, l'uso del diuretico non ha avuto un'associazione significativa con il recupero renale (29,7% contro 42,9%, P = 0,36), l'uso della terapia sostitutiva renale (RRT) (27,0% contro 28,6%, P = 0,88), o 90- mortalità giornaliera (21. 6% contro 31,4%, P = 0,35) nei pazienti in terapia intensiva rispetto al placebo, ha riportato Bagshaw in un abstract all'ultimo momento al meeting della National Kidney Foundation.

"La logica di SPARK derivava da due osservazioni generali", ha spiegato Bagshaw a MedPage Today. "In primo luogo, i dati sperimentali e preclinici hanno suggerito che l'utilizzo tempestivo dei diuretici dell'ansa nell'AKI precoce potrebbe fornire una 'protezione renale' largamente mediata dalla riduzione della richiesta di ossigeno midollare. Tuttavia, questo è in apparente paradosso con i dati clinici – in gran parte derivati da studi osservazionali più vecchi a qualche rischio di bias – suggerendo che l'uso di diuretici dell'ansa nell'AKI può essere associato ad un aumentato rischio di morte e / o mancato recupero della funzione renale ".

"In secondo luogo, nell'AKI, i diuretici dell'ansa sono usati molto spesso. I sondaggi degli operatori sanitari e i dati osservazionali suggeriscono che più di due terzi o tre quarti dei pazienti sono esposti ai diuretici a un certo punto durante il loro corso", ha detto. "Questo rappresenta un significativo disallineamento tra le prove e la pratica clinica. Ciò suggerirebbe che è necessario generare nuove prove e conoscenze che idealmente aiuterebbero a informare le migliori pratiche nella gestione dell'AKI".

Lo studio multicentrico in cieco ha incluso 73 partecipanti in terapia intensiva con evidenza di AKI, uso di un catetere urinario, nonché un catetere venoso periferico o centrale, due o più SIRS che si verificano durante il primo giorno di screening e dopo il raggiungimento di obiettivi di rianimazione.

I partecipanti al gruppo di intervento (n = 37) hanno ricevuto un bolo di furosemide su 0,4 mg / kg, accompagnato da un'infusione continua con una dose iniziale di 0,05 mg / kg / ora, con un'infusione massima di 0,4 mg / kg / ora. Durante il primo giorno di intervento, la dose totale mediana di furosemide è stata di 1,65 mg / kg (0,7-4,8 mg / kg), mentre la dose mediana nel periodo di prova è stata di 3,2 mg / kg (1,4-16,1 mg / kg). Il gruppo placebo (n = 36) ha ricevuto 0. Infusione salina al 9% titolata in base alla produzione oraria di urina.

L'incidenza degli eventi avversi è stata maggiore nel gruppo furosemide rispetto al gruppo placebo: 4,4 eventi / paziente (25 pazienti, 111 eventi) rispetto a 2,6 eventi / paziente (22 pazienti, 57 eventi, P <0,001), che erano per lo più associati a anomalie e squilibri elettrolitici minori.

Non sono state riportate differenze significative tra il gruppo di intervento e il gruppo placebo dopo l'aggiustamento per il punteggio di Fisiologia acuta e valutazione della salute cronica II (APACHE II) (OR 1,14, IC 95% 0,42-3,00). I risultati sono stati coerenti anche dopo l'aggiustamento per l'esposizione alla vancomicina (OR 1.08, 0.39-2.98), l'esposizione pre-randomizzazione alla furosemide (OR 1.39, IC 95% 0.52-3.76), nonché l'aggiustamento per l'oliguria pre-randomizzazione (OR 1.18, 95 % CI 0,45-3,16). In un'analisi tra un sottogruppo di pazienti in terapia intensiva con sepsi, non sono state riportate differenze significative (OR 1,28, IC 95% 0,50-3,30).

Bagshaw ha notato come il suo gruppo di ricerca non sia stato particolarmente sorpreso dai risultati. Tuttavia, ha sottolineato che sono rimasti sorpresi in termini di "alcune delle sfide incontrate durante l'attuazione del protocollo al letto".

"Sebbene SPARK non abbia trovato differenze significative nel rischio di peggioramento di AKI, utilizzo di RRT o mortalità, riconosciamo che lo studio era sottodimensionato per fornire informazioni significative su questi e altri risultati centrati sul paziente. Abbiamo visto differenze negli endpoint secondari (ad esempio, equilibrio dei liquidi ); tuttavia, l'uso di diuretici dell'ansa in questo contesto è stato anche associato a una maggiore incidenza di anomalie elettrolitiche ".

"SPARK aveva un protocollo che si è rivelato piuttosto impegnativo da implementare", ha spiegato Bagshaw. "Di conseguenza, attualmente non abbiamo in programma di eseguire uno studio definitivo più ampio con questo approccio.