Diuretici – Farmacologia – Manuale veterinario Merck

I diuretici sono usati per rimuovere un volume d'acqua inappropriato negli animali con edema o sovraccarico di volume, correggere squilibri ionici specifici e ridurre la pressione sanguigna e la pressione del cuneo capillare polmonare (Dosaggi dei diuretici). Sono classificati in base al loro meccanismo d'azione come diuretici dell'ansa, inibitori dell'anidrasi carbonica, tiazidi, diuretici osmotici e diuretici risparmiatori di potassio. L'efficacia e l'uso di ciascuna classe di diuretici dipende dal meccanismo e dal sito d'azione. I modelli di escrezione degli elettroliti variano tra le classi, mentre la risposta massima è la stessa all'interno di una classe. Pertanto, se un farmaco all'interno di una classe è inefficace, anche un farmaco diverso della stessa classe sarà probabilmente inefficace. La combinazione di diuretici di diverse classi può portare a effetti additivi e potenzialmente sinergici. Vedi anche diuretici.

Dosaggi di diuretici

Farmaco

Dosaggio

4-6 mg / kg EV, IM o SC, secondo necessità per la terapia acuta

Cani: 2-4 mg / kg, PO, da una a tre volte al giorno

Gatti: 1-2 mg / kg, PO, una o due volte al giorno

Animali di grossa taglia: 0,5-1 mg / kg / giorno, EV o IM

Idroclorotiazide

Cani e gatti: 2-4 mg / kg, PO, una o due volte al giorno

Clorotiazide

Cani e gatti: 20-40 mg / kg, PO, una o due volte al giorno

Spironolattone

Cani: 2-4 mg / kg, PO, bid

Mannitolo

0,25-0,5 g / kg, IV

Dimetilsolfossido

Animali di grossa taglia: 1 g / kg, EV o tramite sondino nasogastrico

Furosemide:

La furosemide è un derivato della sulfonamide e il diuretico più comunemente somministrato in medicina veterinaria. La furosemide è un diuretico dell'ansa; inibisce il riassorbimento di sodio e cloruro nella spessa ansa ascendente di Henle, con conseguente perdita di sodio, cloruro e acqua nelle urine. La furosemide induce effetti emodinamici benefici prima dell'inizio della diuresi. La vasodilatazione aumenta il flusso sanguigno renale, aumentando così la perfusione renale e riducendo la ritenzione di liquidi. Sembra che la vasodilatazione renale dipenda dalla sintesi locale delle prostaglandine.

L'emivita di eliminazione della furosemide è breve nella maggior parte degli animali (~ 15 min). L'effetto raggiunge il picco 30 minuti dopo la somministrazione EV e 1-2 ore dopo la somministrazione PO. La durata dell'azione diuretica è rispettivamente di 2 e 6 ore dopo la somministrazione EV e PO. La furosemide è altamente legata alle proteine (91% -97%), quasi totalmente all'albumina. Viene eliminato attraverso i reni dalla secrezione tubulare renale. La biodisponibilità della furosemide orale è bassa (solo il 50% viene assorbito).

La furosemide viene solitamente dosata per avere effetto. Per la terapia acuta, a breve termine, vengono somministrate dosi singole EV, IM o SC di 4-6 mg / kg. Il principale effetto avverso della somministrazione acuta di dosi elevate è la riduzione del volume intravascolare acuto, che peggiora la gittata cardiaca e l'ipotensione e può precipitare l'insufficienza renale acuta. La terapia cronica nei gatti e in alcuni cani può essere eseguita mediante terapia ogni due o tre giorni. Dosi superiori al normale di furosemide possono essere richieste negli animali con malattia renale a causa di anomalie funzionali del tubulo renale e del legame della furosemide alle proteine nelle urine. Se sono necessarie dosi crescenti di furosemide per controllare la ritenzione di liquidi, l'aggiunta di altri tipi di farmaci che modificano il volume, come un diuretico risparmiatore di potassio o un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiontensina (ACE), può aiutare a evitare effetti negativi.

La terapia con furosemide è associata a una serie di effetti avversi. Per natura del suo meccanismo d'azione, provoca disidratazione, deplezione di volume, ipopotassiemia e iponatriemia, che possono essere eccessive e dannose. La più importante interazione farmacologica della furosemide è con i glicosidi della digitale digossina e digitossina. L'ipopotassiemia indotta dalla diuresi furosemide potenzia la tossicità digitale. Finché gli animali continuano a mangiare, l'ipopotassiemia di solito non si sviluppa. L'ipopotassiemia predispone anche gli animali all'iponatriemia aumentando la secrezione dell'ormone antidiuretico e lo scambio di ioni sodio con gli ioni potassio intracellulari persi. La somministrazione concomitante di FANS può interferire con la vasodilatazione renale controllata dalle prostaglandine della furosemide e ridurre l'effetto diuretico. La disidratazione delle secrezioni delle vie aeree indotta dalla furosemide può esacerbare la malattia respiratoria.

Diuretici tiazidici:

I diuretici tiazidici, idroclorotiazide e clorotiazide, non sono potenti quanto la furosemide e quindi sono usati raramente in medicina veterinaria. I tiazidici agiscono sulla porzione prossimale del tubulo contorto distale per inibire il riassorbimento del sodio e promuovere l'escrezione di potassio. Possono essere somministrati ad animali che non tollerano un potente diuretico dell'ansa come la furosemide. Non devono essere somministrati ad animali azotemici, poiché riducono il flusso sanguigno renale. Poiché i tiazidici agiscono su una sede diversa del tubulo renale rispetto ad altri diuretici, possono essere combinati con un diuretico dell'ansa o un diuretico risparmiatore di potassio per il trattamento della ritenzione di liquidi refrattari. Gli effetti avversi sono disturbi dell'equilibrio degli elettroliti e dei liquidi, simili alla furosemide. I tiazidici riducono l'escrezione renale di calcio, quindi non dovrebbero essere usati negli animali ipercalcemici.

Diuretici risparmiatori di potassio:

I diuretici risparmiatori di potassio includono spironolattone, amiloride e triamterene. Lo spironolattone è quello più frequentemente utilizzato in medicina veterinaria ed è un antagonista competitivo dell'aldosterone. L'aldosterone è aumentato negli animali con insufficienza cardiaca congestizia quando il sistema renina-angiotensina viene attivato in risposta a iponatriemia, iperkaliemia e riduzioni della pressione sanguigna o della gittata cardiaca. L'aldosterone è responsabile dell'aumento del riassorbimento di sodio e cloruro e dell'escrezione di potassio e calcio dai tubuli renali. Lo spironolattone compete con l'aldosterone nel suo sito recettore, provocando una lieve diuresi e ritenzione di potassio. Lo spironolattone è ben assorbito dopo la somministrazione PO, specialmente se somministrato con il cibo. È altamente legato alle proteine (> 90%) e ampiamente metabolizzato dal fegato nel metabolita attivo, il canrenone. Viene eliminato principalmente dai reni. L'inizio dell'azione dello spironolattone è lento e gli effetti non raggiungono il picco per 2-3 giorni. Lo spironolattone non è raccomandato come monoterapia, ma può essere aggiunto alla terapia con furosemide o tiazidici per trattare i casi di insufficienza cardiaca refrattaria. A causa del potenziale di iperkaliemia, lo spironolattone non deve essere somministrato in concomitanza con integratori di potassio. È stato dimostrato che è sicuro se usato a basse dosi con una terapia concomitante con ACE inibitori.

Inibitori dell'anidrasi carbonica:

Gli inibitori dell'anidrasi carbonica agiscono nel tubulo prossimale per inibire in modo non competitivo e reversibile l'anidrasi carbonica, che riduce la formazione di acido carbonico dall'anidride carbonica e dall'acqua. La ridotta formazione di acido carbonico si traduce in un minor numero di ioni idrogeno all'interno delle cellule dei tubuli prossimali. Poiché gli ioni idrogeno vengono normalmente scambiati con gli ioni sodio dal lume del tubulo, è disponibile più sodio da combinare con il bicarbonato urinario. La diuresi si verifica quando l'acqua viene escreta con bicarbonato di sodio. Quando il bicarbonato viene eliminato, si ha acidosi sistemica. Poiché il potassio intracellulare può sostituire gli ioni idrogeno nella fase di riassorbimento del sodio, gli inibitori dell'anidrasi carbonica aumentano anche l'escrezione di potassio.

Diuretici osmotici:

I diuretici osmotici includono mannitolo, dimetilsolfossido (DMSO), urea, glicerolo e isosorbide. Il mannitolo è comunemente usato nei piccoli animali ma è costoso per l'uso negli animali adulti di grandi dimensioni, quindi il DMSO è spesso usato al suo posto. Il mannitolo funge da protettivo contro ulteriori danni ai tubuli renali e avvia una diuresi osmotica. Il dosaggio iniziale è di 0,25-0,5 g / kg, somministrato EV in 3-5 min. Una risposta dovrebbe essere annotata entro 20-30 min. Se si osserva una risposta, la dose può essere ripetuta ogni 6-8 ore oppure può essere somministrata un'infusione a velocità costante di 2-5 ml / min di una soluzione al 5% -10%. La dose giornaliera totale non deve superare i 2 g / kg. Se non si osserva diuresi, la dose iniziale può essere ripetuta fino a un dosaggio totale di 1,5-2 g / kg. Tuttavia, le dosi ripetute di solito non sono più efficaci e aumentano la probabilità di complicanze (p. Es., Edema).

DMSO è uno scavenger di radicali liberi derivato dall'ossigeno e un diuretico osmotico. È usato in animali di grossa taglia per trattare condizioni infiammatorie ed edematose. È un solvente molto potente che può penetrare nella pelle intatta e trasportare altre sostanze chimiche con essa. Penetra in tutti i tessuti del corpo e produce un odore che molte persone non possono tollerare. Il dosaggio è di 1 g / kg, EV o tramite sondino nasogastrico, come soluzione al 10% diluita in destrosio al 5% o soluzione di Ringer lattato (concentrazioni più elevate possono causare emolisi intravascolare).