Diuretici dell'ansa: assumere la giusta dose

I diuretici dell'ansa sono ampiamente utilizzati nella gestione dell'edema e dell'insufficienza cardiaca. Sono anche ampiamente fraintesi.

Il motivo è questo: i diuretici dell'ansa sono spesso prescritti con una strategia dose-dipendente. Cerchi una diuresi dolce? Prescrivi una dose bassa. Per una risposta più drammatica, usa una dose più alta.

Ma i diuretici dell'ansa (p. Es., Furosemide, torsemide, bumetanide) non funzionano in questo modo. I diuretici dell'ansa sono farmaci "tutto o nessuno"; sono "on" o "off". Non è presente alcun interruttore dimmer. [1]

Questo è stato il messaggio principale in una recente revisione di Anisman e colleghi, [1] sull'uso dei diuretici dell'ansa nella gestione dell'edema. Gli autori (un cardiologo, un nefrologo e un medico di base) non solo hanno condotto una ricerca bibliografica esauriente, ma si sono anche consultati con pazienti che avevano esperienza nell'assunzione di diuretici dell'ansa cronica per garantire che le loro raccomandazioni fossero pratiche e centrate sul paziente.

La farmacocinetica alquanto insolita dei diuretici dell'ansa spiega la loro risposta clinica binaria tutto o niente. [1] I diuretici dell'ansa si accumulano nei tubuli renali e quando viene raggiunta la soglia per la concentrazione intratubulare del farmaco, si verifica la diuresi. In tal caso, l'aumento della dose di diuretico dell'ansa non aumenterà ulteriormente la diuresi ed esporrà il paziente a più effetti avversi. Ma se il paziente non risponde (minzione frequente entro 4-6 ore dopo una dose orale), la soglia non è stata raggiunta e potrebbe essere necessaria una dose più alta. La soglia di attivazione è specifica del paziente; differisce da un paziente all'altro.

E il paziente che riferisce di minzione frequentemente, tutto il giorno e la notte? La dose è probabilmente subterapeutica e dovrebbe essere aumentata. La nicturia di solito indica un dosaggio sottosoglia piuttosto che una risposta eccessiva.

Altri risultati chiave di questa recensione:

Prove moderate suggeriscono che la torsemide può avere vantaggi rispetto alla furosemide, tra cui una maggiore potenza, una durata d'azione più lunga e forse un migliore controllo dei sintomi.

Una volta che il paziente è euvolemico dopo la diuresi, utilizzare il dosaggio necessario del diuretico dell'ansa, in base al peso giornaliero. Il paziente assume la dose terapeutica nei giorni in cui vi è una certa quantità di aumento di peso o edema e altrimenti la rinuncia (gli autori forniscono un linguaggio di esempio per istruire i pazienti sul dosaggio secondo necessità).

Alcuni farmaci concomitanti possono ridurre l'effetto dei diuretici dell'ansa (p. Es., Inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina, bloccanti del recettore dell'angiotensina e farmaci antinfiammatori non steroidei).

Errori comuni nell'uso dei diuretici dell'ansa includono la prescrizione di dosi diverse per mattina e sera, la prescrizione di dosi subterapeutiche nel tentativo di ottenere una diuresi delicata e la prescrizione di dosi variabili a seconda del peso e del grado di edema.

Può essere necessaria una dose maggiore di diuretico dell'ansa per ottenere lo stesso effetto quando la funzionalità renale diminuisce o aumenta la proteinuria. Nel tempo può svilupparsi una lieve tolleranza ai diuretici dell'ansa, che richiede una dose più elevata.

Laureato in discipline mediche presso l’Università di Bologna. Attualmente scrivo articoli per saluteuomo.it.