Avviso relativo alla miscelazione di fluidificanti del sangue e alcuni antibiotici – The Globe and Mail

Alcuni antibiotici usati per trattare le infezioni del tratto urinario possono innescare un sanguinamento pericoloso nei pazienti che assumono fluidificanti del sangue, avvertono i ricercatori.

I medici e i pazienti allo stesso modo dovrebbero essere particolarmente cauti nel combinare warfarin e l'antibiotico cotrimoxazolo, secondo i risultati.

La ricerca, pubblicata nell'edizione odierna degli Archives of Internal Medicine, mostra che la combinazione dei due farmaci determina un aumento di quattro volte del rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore.

"Entrambi sono farmaci molto comuni e il rischio che vengano combinati è molto reale", ha affermato il dottor David Juurlink, scienziato senior presso l'Institute for Clinical Evaluative Sciences e coautore dello studio.

Durante il periodo di studio, 2.151 partecipanti sono stati ricoverati in ospedale per il trattamento del sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore entro due settimane dall'assunzione di un antibiotico.

È noto che gli antibiotici possono interagire con il warfarin. Questo perché, in generale, i fluidificanti del sangue agiscono bloccando l'effetto della vitamina K nell'intestino. Gli antibiotici, da parte loro, interferiscono con i batteri nell'intestino che producono vitamina K.

Quindi i ricercatori hanno deciso di confrontare quali antibiotici rappresentavano il rischio maggiore osservando coloro che soffrivano di gravi emorragie gastrointestinali poco dopo l'inizio del trattamento antibiotico per le infezioni.

Lo studio ha mostrato che gli anziani in terapia con anticoagulanti che hanno assunto cotrimoxazolo nelle due settimane precedenti il ricovero per curare un'emorragia gastrointestinale avevano un rischio 4,5 volte superiore rispetto a quelli che non assumevano antibiotici.

Coloro che hanno assunto l'antibiotico ciprofloxacina hanno avuto un rischio inferiore, ma comunque significativo a 1,9 volte superiore.

"Il messaggio qui è che non tutti gli antibiotici sono uguali", ha detto il dott. Juurlink, che è anche a capo della divisione di farmacologia clinica e tossicologia presso il Sunnybrook Health Sciences Center di Toronto.

Ha detto che, in alcuni casi, il cotrimoxazolo può ancora essere il trattamento migliore ma, se i pazienti stanno assumendo anticoagulanti, dovrebbero essere monitorati attentamente.

Il cotrimoxazolo è una combinazione di due farmaci, sulfametossazolo e trimetoprim.

Il warfarin è usato per prevenire la formazione di coaguli di sangue, in particolare nei pazienti con una storia di infarto o ictus, quelli che soffrono di malattia polmonare ostruttiva cronica, trombosi venosa profonda e quelli con valvole cardiache meccaniche. È un farmaco comunemente prescritto, con vendite canadesi di 81,5 milioni di dollari l'anno scorso, secondo IMS Health Canada.