Anche La Repubblica Ceca

LONDRA – a Giudicare dai recenti infezione da coronavirus statistiche, la metà orientale dell’Europa, composto di ex comunisti che hanno aderito all’Unione Europea dopo la fine della Guerra Fredda, sta andando molto meglio la parte occidentale del continente.

Il totale numero di decessi registrati in una decina di paesi dell’Europa orientale, dal momento che l’epidemia cominciò a meno di quotidiana statistiche di mortalità in gran Bretagna. E anche in paesi come la Polonia e la Romania, la regione più grande e più popolosa di infezione sono i numeri in basso a migliaia.

Ma i timori sono crescente che questi apparentemente incoraggianti statistiche sono solo per la mancanza di strutture di test, e che una più grande crisi umanitaria che sta per colpire la regione, in un prossimo futuro.

Nella fase iniziale del coronavirus crisi, l’Europa orientale sembrava godere di alcuni vantaggi. Molte meno persone nella regione di viaggio in Cina o in altre parti dell’Asia, così la trasmissione iniziale del percorso è stata evitata.

i governi locali E delle misure di protezione adottate in anticipo. La polonia, per esempio, ha ordinato la chiusura di bar, ristoranti e altri luoghi pubblici ben prima chiave di paesi occidentali hanno fatto lo stesso.

nel Frattempo, la Repubblica ceca e la vicina Slovacchia è diventato il primo paese in Europa per imporre la maschera che indossa in pubblico.

il Primo Ministro ceco Andrej Babis arrivò rivolgendosi al suo paese, il parlamento indossando una maschera, mentre altri leader politici hanno preso parte alle campagne di salute pubblicando una foto di se stessi indossando indumenti protettivi sui social media.

Ma se l’Europa dell’est era parzialmente protetto, nella fase iniziale dell’epidemia, che ha ottenuto la piena esplosione di Europa occidentale, dove un gran numero di est Europei attualmente lavoro.

Fino a 4 milioni di euro in Romania nominale di 20 milioni di abitanti, sono impiegati nella metà occidentale del continente, e in particolare nel peggiore dei coronavirus epicentri, come l’Italia o la Spagna.

East nazioni Europee lancio coronavirus rimonta, alcune chiudere le frontiere

polacco ministri sottoposti a screening per il coronavirus dopo un test positivo

Romania intermedio PM Ludovic Orban ed il governo per entrare in quarantena dopo il coronavirus di contatto

E non meno di un milione di Poli – su una popolazione di circa 38 milioni di di lavoro nella sola gran Bretagna, con molti di più in altri paesi.

e ‘ stato, quindi, solo una questione di tempo prima che la pandemia più a est. Paradossalmente, la chiusura delle frontiere ordinato da oriente nazioni Europee, nel tentativo di isolarsi in realtà fatto altro che peggiorare la situazione, come molti Polacchi o Rumeni che vivono in occidente si precipitò a casa.

Il motivo coronavirus i tassi di infezione in oriente non sembrano male, al momento, è semplicemente a causa di mancanza di prove. Risorse mediche sono inadeguati in parte dovuto al fatto che questi paesi sono ancora raggiungere la metà occidentale del continente, ma anche perché i grandi numeri di medici e infermieri hanno lasciato la regione per lavorare nel ricco occidente.

Anche la Repubblica ceca, la regione più ricche su una base pro capite, ha fatto poco per fornire le maschere per il viso ha ordinato ai suoi cittadini di usura; le persone che erano a sinistra di produzione propria o di fare affidamento sul ingegno di altri.

Interattivi, Come il coronavirus si sta diffondendo in tutto il mondo

E, in Romania, che ha ricevuto il kit di test e di altri medici di aiuti da Corea del Sud, il Ministro della Salute Victor Costache fu costretto a dimettersi la scorsa settimana dopo aver affermato che tutti gli abitanti di Bucarest, la capitale, verranno testati per il virus. Che era falsa; la Romania non può anche prova di tutto il suo personale medico, figuriamoci i 2 milioni di abitanti della capitale.

Tutti i governi della regione a sapere che il peggio deve ancora venire. “Stiamo entrando in una nuova fase dell’epidemia,” Polonia il Ministro della Salute polacco Lukasz Szumowski detto in una conferenza stampa all’inizio di questa settimana; infezioni “sarà in aumento a un ritmo esponenziale”, ha detto.