Amoxicillina Vs Penicillina – Differenza e confronto

La penicillina e l'amoxicillina sono antibiotici, composti che interrompono e distruggono i batteri. La penicillina è il precursore dell'amoxicillina ed entrambi gli antibiotici derivano da una muffa chiamata Penicillium glaucum. La scoperta dell'effetto della penicillina sui batteri ha portato a una rivoluzione nel trattamento medico e allo sviluppo di dozzine di altri antibiotici, inclusa l'amoxicillina, che è un antibiotico più economico che tratta una gamma più ampia di batteri gram-positivi ed è meno probabile che causi reazioni allergiche.

L'amoxicillina è stata originariamente brevettata e venduta con il nome commerciale Amoxil. Quando il brevetto è scaduto, sono state sviluppate molte altre combinazioni brevettabili amoxicillina / acido clavulanico del farmaco, incluso il noto Augmentin, anch'esso non più brevettato. I derivati ​​dell'amoxicillina sono estremamente comuni e si trovano sotto numerosi nomi.

Tabella di confronto

la valutazione attuale è 4.1 / 5
1
2
3
4
5

la valutazione attuale è 3.76 / 5
1
2
3
4
5

Contenuto: amoxicillina vs penicillina

1 Come funzionano la penicillina e l'amoxicillina 1.1 Forme e dosaggio

3.1 Resistenza agli antibiotici

4.1 Effetti collaterali comuni

  1. Gravi effetti collaterali
  2. Riduzione dei batteri "buoni"

Come funzionano la penicillina e l'amoxicillina

Le pareti cellulari dei batteri vengono costantemente scomposte e ricostruite come parte del loro rapido ciclo di crescita. Le penicilline interrompono questo ciclo penetrando in profondità nella parete cellulare in via di sviluppo di un batterio per impedire che la parete si solidifichi e si rafforzi. Questo indebolisce e alla fine uccide le cellule batteriche. Per un esempio degli effetti della penicillina sui batteri E. coli, guarda questo video.

I batteri che perdono le loro pareti cellulari durante la mitosi (divisione cellulare) sono chiamati gram-positivi; quelli che non perdono completamente le loro pareti cellulari sono chiamati gram-negativi. Le penicilline sono molto più efficaci contro i batteri gram-positivi.

Forme e dosaggio

La penicillina viene utilizzata in tre modi: in soluzione endovenosa come penicillina G, per via orale come penicillina V e in iniezioni intramuscolari (IM), come la procaina benzilpenicillina o la benzilpenicillina benzatina. L'amoxicillina è quasi sempre utilizzata in forma orale perché è meglio assorbita attraverso il tratto gastrointestinale. Di solito è prescritto ai bambini più della penicillina tradizionale perché l'amoxicillina è più facile da prendere (senza aghi coinvolti) e poiché i bambini sono più inclini alle infezioni dell'orecchio e della gola, condizioni che l'amoxicillina tratta abbastanza bene.

I dosaggi sia per la penicillina che per l'amoxicillina variano in base al peso, all'età e alle condizioni del paziente, con dosi inferiori prescritte a persone che non hanno usato una penicillina in precedenza (per determinare il rischio di allergia). In generale, quando il rischio di allergia è minimo o inesistente, i dosaggi iniziano verso la fascia media dello spettro di età / peso / condizione appropriato e vengono regolati verso l'alto se non si nota alcun risultato positivo forte (livello ridotto di infezione) entro 8-10 ore il caso di una degenza ospedaliera monitorata.

Vengono effettuati esami del sangue o tamponi batterici per verificare il livello di batteri presenti in un'infezione. Se necessario, viene prescritto un ciclo di penicillina, amoxicillina e / o altri antibiotici per il trattamento, generalmente per un periodo di 5-10 giorni, con 3-4 pillole al giorno (nel caso delle forme orali). Deve essere assunto un ciclo di antibiotici, come prescritto, e nella sua interezza, anche se i sintomi scompaiono dopo pochi giorni di utilizzo.

Le penicilline sono usate per trattare le infezioni batteriche di tutti i tipi. Il primo trattamento efficace con penicillina è stato per le infezioni agli occhi, negli adulti e nei bambini. Anche le infezioni della pelle rispondevano agli antibiotici e, quando scoppiò la seconda guerra mondiale, la penicillina divenne un trattamento comune per le ferite sul campo di battaglia e le malattie sessualmente trasmissibili, con risultati variabili. Fu durante gli anni Quaranta e Cinquanta che i ricercatori scoprirono che la penicillina è inefficace contro le infezioni virali. I virus sono fondamentalmente filamenti di DNA privi di struttura cellulare e quindi non sono influenzati dagli attacchi della parete cellulare di un antibiotico.

La penicillina è più efficace contro le infezioni da streptococco e dei tessuti molli (causate principalmente da ceppi di Staphylococcus), la sifilide, la meningite e la polmonite. L'amoxicillina è efficace contro la maggior parte degli stessi ceppi della penicillina, ma è più efficace contro le infezioni da otite media (orecchio), endocardite (infezioni della valvola cardiaca) e infezioni causate da ceppi di enterococchi.

Efficacia

Le penicilline naturali e le versioni sintetizzate, come l'amoxicillina, sono armi frequenti nell'arsenale medico contro le malattie a causa della loro efficacia. Non solo possono curare le infezioni batteriche, ma possono anche prevenire il verificarsi di successive infezioni batteriche. Ciò ha portato molti medici, veterinari e l'industria agricola a prescrivere eccessivamente l'uso di antibiotici, che a sua volta ha portato all'evoluzione di batteri resistenti agli antibiotici.

L'amoxicillina e la penicillina sono spesso ugualmente efficaci nel trattamento di un'ampia varietà di infezioni, da quelle mediche a quelle dentali. Come tale, l'amoxicillina viene spesso prescritta semplicemente perché è più economica. Tuttavia, un antibiotico può essere prescritto per un certo tipo di infezione più di un altro. Ad esempio, è stato riscontrato che l'amoxicillina riduce il gonfiore causato da ascessi denti primari ("da latte") meglio della penicillina, rendendo l'amoxicillina l'antibiotico preferito per questo tipo di infezione. [1]

Uno dei ceppi batterici più virulenti resistenti agli antibiotici negli esseri umani è lo Staphyloccus aurea resistente alla meticiliina, comunemente indicato con il suo acronimo MRSA (spesso pronunciato mur-suh). Mentre lo Staphyloccus aurea era una volta una forma di batteri facilmente uccisi dalle penicilline, la sua forma multi-resistente è ora una "malattia carnivora" in grado di distruggere i tessuti in poche ore e di resistere a un'ampia varietà di trattamenti antibiotici pesanti.

Nonostante i ceppi resistenti, gli antibiotici sono ancora efficaci nel controllare e sconfiggere la maggior parte delle infezioni batteriche. La consapevolezza dell'uso eccessivo di antibiotici ha ridotto il loro uso in qualche modo a favore di trattamenti alternativi o, come nel caso del raffreddore e delle influenze, che sono principalmente causati da virus, lasciando che la malattia proceda senza trattamento a meno che non si sviluppi un'infezione batterica.

Ci sono alcune prove che le dosi prescritte di penicillina possono essere abbassate, ma rimangono altamente efficaci. L'amoxicillina, più della penicillina, sembra rimanere efficace a una dose inferiore. Se le dosi di antibiotici possono essere abbassate, il potenziale per lo sviluppo di "superbatteri" può diminuire. Tuttavia, anche se la resistenza agli antibiotici è un problema, i pazienti dovrebbero rimandare alle raccomandazioni dei loro medici, poiché i requisiti di dosaggio sono spesso strettamente correlati al tipo di infezione.

Effetti collaterali della penicillina

La penicillina può causare una reazione allergica in circa il 10% della popolazione. Tuttavia, la reazione allergica può svanire nel tempo se la persona non viene nuovamente esposta, con solo il 20% circa dell'allergico che rimane quindi circa 10 anni dopo la sua esposizione iniziale. Una reazione allergica a una qualsiasi delle penicilline è sufficiente per presumere che una sia allergica a tutte.

In alcuni casi, la reazione allergica può essere piuttosto grave, provocando uno shock che può essere fatale. Coloro che hanno avuto una precedente reazione allergica a penicillina, amoxicillina o formulazioni antibiotiche correlate, dovrebbero informare i loro medici prima di assumere qualsiasi tipo di farmaco simile. Le persone con asma, sanguinamento o disturbi della coagulazione, malattie renali o una storia di diarrea dovrebbero informare i loro medici delle condizioni.

Poiché la penicillina e l'amoxicillina sono escrete principalmente per via renale (attraverso l'urina), le persone con disturbi renali o malattie renali devono fare attenzione quando assumono questi tipi di antibiotici.

Gli effetti collaterali comuni di penicillina e amoxicillina includono:

– Nausea, vomito o mal di stomaco
– Mal di testa
– Macchie bianche all'interno della gola o della bocca (mughetto)
– Lingua gonfia, nera o "pelosa"
– Prurito o secrezione vaginale indicativa di un'infezione da lievito
L'amoxicillina mostra un tasso inferiore di effetti collaterali rispetto alla penicillina, ma i dosaggi devono comunque essere seguiti con cura secondo le istruzioni mediche. Altri effetti collaterali possono verificarsi con entrambi i farmaci e devono essere menzionati a un medico.

I gravi effetti collaterali della penicillina e dell'amoxicillina spesso includono:

– Diarrea acquosa o sanguinolenta
– Facile formazione di lividi o sanguinamento
– Ingiallimento degli occhi o della pelle
– Tosse frequente o difficoltà a respirare
– Gravi eruzioni cutanee, inclusi prurito e desquamazione
– Sintomi simil-influenzali, come febbre, brividi, ghiandole gonfie e dolori muscolari
– Confusione, agitazione, cambiamenti nel comportamento
– Grave formicolio, intorpidimento o debolezza
– Diminuzione della minzione o nessuna minzione
– Attacchi o convulsioni che potrebbero causare svenimenti
L'amoxicillina ha dimostrato di provocare meno effetti collaterali gravi rispetto alla penicillina, soprattutto nei bambini. Tuttavia, uno qualsiasi degli effetti collaterali gravi richiede cure mediche immediate.

Le donne in gravidanza possono assumere penicillina o amoxicillina, sotto controllo medico. Tuttavia, le donne che allattano non dovrebbero usare nessuno dei due medicinali in quanto possono passare al bambino e causare gravi effetti collaterali.

Riduzione dei batteri "buoni"

Poiché le penicilline non distinguono tra batteri "buoni" e "cattivi", la flora intestinale può essere seriamente danneggiata durante il trattamento e per settimane successive. Questa riduzione batterica è ciò che porta a diarrea, infezioni da lieviti, sintomi simil-influenzali e / o ridotto assorbimento di acqua e sostanze nutritive (diminuzione della minzione poiché il corpo cerca di trattenere l'acqua). Per compensare questi effetti collaterali, alcuni medici e farmacisti consigliano di assumere un probiotico durante gli antibiotici.

La penicillina e l'amoxicillina interferiscono con i contraccettivi orali ("la pillola"), rendendoli meno efficaci. Se si usano pillole anticoncezionali e antibiotici, una donna può rimanere incinta, quindi sono necessarie altre forme di controllo delle nascite.

Chiunque prenda metotrexato (Rheumatrex, Trexall) o probenecid (Benemid), dovrebbe informare il proprio medico di questi e altri farmaci. La penicillina e l'amoxicillina possono aumentare o inibire gli effetti di questi e altri farmaci, in particolare quelli relativi alle funzioni gastrointestinali e renali. I pazienti dovrebbero anche informare i loro medici di eventuali vitamine, integratori e / o rimedi erboristici che stanno attualmente utilizzando per evitare interazioni farmacologiche gravi o addirittura fatali.

Costo

L'amoxicillina è notevolmente più economica della penicillina, ma nessuno dei due antibiotici è molto costoso. Secondo GoodRx.com, le pillole di penicillina V di potassio (40 compresse da 500 mg ciascuna) variano nel prezzo da $ 10,00 a $ 37,20. Amoxil, un marchio per amoxicillina (30 compresse da 500 mg ciascuna) varia da $ 4,00 a $ 12,79.

Storia della penicillina

Ernest Duchesne, un medico francese, notò per la prima volta l'effetto di inibizione microbica della muffa Penicillium nel 1897. Nonostante abbia utilizzato la muffa per curare il tifo nelle cavie, il documento di Duchesne sull'esperimento è stato ignorato. La penicillina, come tale, fu identificata e isolata dal medico scozzese Alexander Fleming, nel 1928, usando Penicillium rubens. Fleming ha isolato la sostanza della muffa e ha dimostrato che non era tossica negli esseri umani, ma lo sviluppo della penicillina come medicinale è stato completato da Howard Florey, Ernst Chain e Norman Heatley, una collaborazione austro-tedesca-britannica per la quale Florey e Chain hanno vinto il Premio Nobel.

Poiché la penicillina era difficile da produrre e assolutamente necessaria durante la seconda guerra mondiale, i trattamenti erano limitati ai casi gravi di infezione. Gli sforzi per fare il miglior uso della penicillina spesso includevano la raccolta delle urine dei pazienti trattati per "riciclare" il medicinale, poiché circa l'80% della penicillina viene escreta entro 3-5 ore. Ciò si è rivelato inefficace e gli sforzi per aumentare il tempo di permanenza della penicillina nel corpo hanno portato alla scoperta di associarla al probenecid, che ha bloccato il naturale "arrossamento" della penicillina e ha permesso al medicinale di agire per un periodo di tempo più lungo.

Una volta che la biosintesi della penicillina è diventata comune e grandi quantità di medicinale erano prontamente disponibili, probenecid è stato eliminato dalla maggior parte dei trattamenti, sebbene sia ancora usato per infezioni batteriche particolarmente aggressive e nei casi in cui sono presenti ceppi batterici resistenti, come MRSA, o per trattamento di H. pylori, il batterio che causa la maggior parte delle ulcere gastriche.

Nel 1961, l'ampicillina divenne il primo antibiotico a base di penicillina sviluppato in un laboratorio che utilizzava la struttura del penam. La formulazione semisintetica si è rapidamente dimostrata efficace quanto altre penicilline contro la maggior parte delle infezioni batteriche, ma con l'ulteriore vantaggio di ridurre gli effetti collaterali. Entro un anno dal suo sviluppo, era ampiamente utilizzato e ha aperto la porta a nuove formulazioni di penicilline, tra cui l'amoxicillina, che sono entrate nel mercato nel 1972.

– Allergia alla penicillina e antibiotici correlati – UpToDate
– Fatti sull'amoxicillina (Amoxil) – eMedExpert.com
– Informazioni sull'amoxicillina – Drugs.com
Effetto di amoxicillina vs. penicillina V nel trattamento dei denti primari con ascesso acuto – NIH.gov
– Impatto della frequenza di dosaggio sull'efficacia della terapia con penicillina o amoxicillina di 10 giorni per la tonsillofaringite streptococcica – American Academy of Pediatrics
– Informazioni sulla penicillina – Drugs.com
– Penicilline – eMedExpert.com
– Prezzi degli antibiotici popolari della penicillina – GoodRx.com
– Wikipedia: amoxicillina
– Wikipedia: penicillina
Confronti correlati

– Antibiotici vs vaccini
– Batteri vs Virus
– Farmaci di marca vs farmaci generici
– DTaP vs Tdap
– Mal di gola vs Strep Throat
– Acetaminofene vs ibuprofene
Segui Share Cite Authors

Condividi questo confronto:

Se leggi fin qui, dovresti seguirci:

"Amoxicillina vs Penicillina". Diffen.com. Diffen LLC, nd